New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

José González: El Invento
Ed ecco a voi il nuovo singolo di Max Gazz... ah, no

Elementi apparentemente schizofrenici creano un cantautore acustico risolto, integro e calmo.

L’ho conosciuto diversi anni fa. A memoria, era il 2006. Heartbeats stava avendo una certa risonanza, con tre anni di ritardo sulla sua prima uscita insieme all’album Veneer, ed era una cover dei The Knife. Duo che – spesso accade, per le riletture migliori di pezzi di altri – come suoni non c’azzecca assolutamente niente con José González. Per intenderci, Fever Ray, la voce dei The Knife, ha scritto quel capolavoro ipnotico e inquietante, tra elettronico e orchestrale, che è If I Had a Heart (chi vedeva Vikings ci riconoscerà la sigla, peraltro dall’atmosfera che si adatta perfettamente al tono della serie, ma c’era un periodo in cui la usavano tutti – c’è pure in Breaking Bad). La cover, invece, è acustica, suonata fingerstyle, piano e soffice, e crea una nuvola di quiete profonda intorno a te alle prime note.

È argentino-svedese (riuscite a immaginare qualcosa di più yin e yang?). È cresciuto ascoltando musica popolare latina e pop in genere, e come voce preferita cita il cantautore cubano Silvio Rodríguez. Ha cominciato in una band hardcore-punk. È PhD in biochimica. Tutti elementi che sembrano produrre fra loro lo stridio delle unghie sul vetro e dipingere, nel complesso, il quadro di una personalità schizofrenica. Invece, a sentirlo suonare e cantare, José González incarna la calma. E la genera, nemmeno fosse una figura di yoga eseguita con leggiadria in un tramonto d’estate, con una brezza leggera sulla pelle.

↦ Leggi anche:
Traccia: Fever Ray: Mustn't Hurry

A ritrovarlo (dopo sei anni di silenzio dall’ultimo album), ci si accorge che non è cambiato poi tanto da allora, da quel debutto con già dentro il suo stile quieto. Qui canta in spagnolo, chiaramente, ma il mood è esattamente lo stesso. Distende le membra, rallenta il battito cardiaco, sussurra lontano e delicato come seta e accompagna con un tappeto di arpeggi puliti e cullanti, e ci parla dei contrasti nella natura del mondo, fatto di meraviglia e orrore, pace e conflitto, contrasti che lui evidentemente conosce e in mezzo ai quali è riuscito a trovare un posto ideale per esprimersi.

Chi l’avrebbe detto che la pace interiore stava dentro El Invento?

José González Fever Ray The Knife 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!