Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Blackfield (feat. Brian Molko): Under My Skin (Sirens Remix)
Tris di primi
↤ Tracce

Aggiungi un posto a tavola, che c’è un Molko in più.

Blackfield (feat. Brian Molko)
Under My Skin (Sirens Remix)

Non sempre un piatto di mezze penne al sugo risulta buono. Magari è un po’ insipido, scotto, sbruciacchiato. Insomma, non è la prelibatezza che uno si aspettava. Ma il buon senso insegna che non si butta via niente: una terrina, dei cubetti di formaggio, et voilà! Pasta pasticciata al forno, che sarà anche una ricetta di recupero ma è imbattibile.

Lo stesso vale per alcune canzoni. Prendiamo Under My Skin dei Blackfield, ovvero Aviv Geffen e Steven Wilson, mica gli ultimi arrivati. Ebbene, la versione originale uscita pochi mesi fa aveva un potenziale molto buono, ammazzato però a colpi di campanelle natalizie, arrangiamenti per orchestra (in)degni del peggior Sanremo e una produzione talmente zuccherosa che bastava un ascolto per rischiare il diabete.

↦ Leggi anche:
Black Market Music: i Placebo in equilibrio su una supernova
Blackfield: How Was Your Ride
Steven Wilson: Eminent Sleaze
Richard Barbieri: Serpentine
Pink Turns Blue: There Must Be so Much More
Scattered Ashes: Parallel Lines

Bene, esce in questi giorni il Sirens Remix ed è tutta (letteralmente) un’altra musica. Spazzata via l’aria pomposa, il tutto viene compresso in un brano dance dalle tinte dark che farebbe il pienone nelle sale goth meno intransigenti, con echi (lontanissimi ma presenti) di De/Vision e VNV Nation che vanno a mischiarsi con gli interventi vocali di Brian Molko. L’ospite d’eccezione, con il caratteristico cantato nasale, fa suo il pezzo mettendo in secondo piano il pur ottimo Wilson (che invero aveva creato una linea melodica e una metrica che gridavano Placebo a ogni strofa).

C’è poco da fare: certe voci non sono tecnicamente “belle” ma riescono a trasformare una canzone. Qualsiasi. Uno dei (rari?) casi in cui un remix sotterra senza mezzi termini l’originale. Da ballare a perdifiato: bisognerà pur smaltire.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.