New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Wig Wam: Kilimanjaro
1861 – il generale Robert Lee guida le truppe all'attacco di Fort Sumter

Il ritorno di una band così scontata che fareste meglio a non sottovalutare mai più.

Gli Wig Wam sono norvegesi, di Halden per la precisione – cittadina celebre per una fitta attività concertistica, funghi tignosi e cervi dall’aria un po’ intellettuale. Da lì arrivano questi scavezzacollo con la mania del revival metallaro anni ‘80. E in tempi non sospetti, vale a dire 4 anni prima che gli Steel Panther uscissero dalle gabbie. Dopo essere diventati uno dei gruppi più famosi in patria, aver rappresentato il proprio paese all’Eurovision Festival, i ragazzi hanno continuato a picchiar duro fino a quando, a un certo punto, il gruppo ha deciso di fermarsi perché sì.

Ora – sempre perché sì – gli Wig Wam tornano alla carica con un nuovo album uscito alla fine di gennaio e un singolone gustoso che ricorda un incrocio tra Poison e Poison, con una piccola spruzzatina di Bon Jovi che imita i Poison. C’è tutto: bandidos on the run, reckless life e living on the edge, una montagna di caramellosi luoghi comuni del rock glam d’annata che si inerpicano – come i fagioli di Jack – fino alla cima del monte vulcano più cazzuto di tutta l’Africa.

Erano almeno dieci anni che non capitava di sentire un ritornello così. Dal 2012 appunto – guarda caso, l’anno in cui gli Wig Wam avevano appeso temporaneamente al chiodo gli spandex e il sospensorio per tornare alle loro bigie vite di nordici pieni di geloni e con il fegato ingrossato da cocktail di neve e vodka. Ma adesso rieccoli qui – biechi, buzzurri, scontatissimi e orgogliosi di esserlo.

Viva il rock and roll! Perché il meglio ricominci a dover ancora arrivare.

Wig Wam 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!