Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tindersticks: Man Alone (Can't Stop the Fadin')
🎶 "In the jungle, the mighty jungle..." 🎵
↤ Tracce

Un viaggio in taxi fra pensieri senza logica, impossibile da fermare.

Tindersticks
Man Alone (Can't Stop the Fadin')

Avete 11 minuti, possibilmente serali? Impiegateli per sentire il nuovo (aperte molte virgolette) singolo (chiuse molte virgolette) dei Tindersticks. Guardatevi pure il video, che altro non è che il punto di vista dal retro di un taxi londinese di notte – «a particular kind of aloneness», per dirla con le parole del cantante Stuart Staples – perdetevici, lasciatevi annegare nelle luci della città, aloni che rischiarano volute e tentacoli di pensieri senza un filo logico.

Le molte virgolette fanno chiaramente riferimento al fatto che questo pezzo è la perfetta dimostrazione di cosa non scegliere come singolo apripista per un album, un po’ per la durata, un po’ perché è fondamentalmente un mantra ossessivo degno del figlio degenere di un matrimonio altrettanto degenere fra i Talking Heads e i Television, retto dal basso, da un groove sempre uguale e animato da tante, piccole, moleste incarnazioni di Staples.

↦ Leggi anche:
Tindersticks: For The Beauty

Per chi è rimasto ai primi lavori e a quel delizioso mix fra Cohen, Nick Cave, le parti di orchestra e i violini acidi alla Velvet Underground, la prima reazione sarà di shock (e sì, siamo pronti a riutilizzare questa frase senza memarla, credo). Ma dopo qualche minuto di ossessione il pezzo entra a gamba tesa nei tuoi sogni più oscuri e solitari, li solletica e li riporta alla coscienza, e capisci che non puoi più farne a meno. Can’t Stop the Fadin’, appunto.

«Questa canzone è sempre stata un viaggio, ma non immaginavo finisse per essere un viaggio così lungo». Come già qualcuno, i Tindersticks ti invitano a farti una corsa con loro, e ci si accorge che è impossibile rifiutare. Allora, tassametro permettendo, avanti così.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.