Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Nick Cave & Warren Ellis: Balcony Man
A quattro mani
↤ Tracce

Un’elegia per le vittime silenti del lockdown.

Nick Cave & Warren Ellis
Balcony Man

Non c’è vittoria né sconfitta nel dolore. Non c’è gara nella sofferenza. Ogni cosa che renda difficile l’arte del (continuare a) vivere è degna di essere considerata. Perché l’idea di guardare a chi sta peggio è un dogma idiota basato sul senso di colpa, inculcatoci sin dall’infanzia e nato per evitare i capricci, ma che si sviluppa poi nella pessima abitudine di stare zitti e non lamentarsi mai, buona solo per farci sentire ipocritamente più politically correct nei confronti del mondo intorno. Fuori degli individui stoicamente zen, dentro è tutto un altro discorso.

Lo sa bene Nick Cave, che negli ultimi anni ha vissuto la beffa di arrivare alla meritata consacrazione del suo successo proprio mentre cercava di metabolizzare la tragica perdita del figlio. Un lutto che ha segnato in maniera profonda le ultime uscite dei Bad Seeds ma che non può e non deve essere l’unico motivo di dolore universale.

↦ Leggi anche:
Nick Cave: Cosmic Dancer

Checché ne dicano i filosofi della strada in bulimia da social anche “stare inchiodati su un divano per mesi” è terribile, e quel malessere profondo e indotto ha uno spessore e una forza autodistruttiva che solo il tempo ci dirà quante vittime lascerà sul campo.

Con questo album uscito a sorpresa – scritto e suonato a quattro mani con il fido Warren Ellis – il Re Inchiostro va a scavare proprio nel lutto collettivo che questi dodici mesi di stato d’emergenza hanno portato con sé, come corollario alle morti fisiche: decine di migliaia di persone a cui, in un modo o nell’altro, è partita (o sta partendo) la testa, tra rabbia, depressione, arrendevolezza. L’accidia e l’apatia forzata nutrite con divieti e allarmismi per una società che ha tristemente (ri)scoperto l’uso massiccio di anestetici a norma di legge per spegnere il turbinio in overdrive di pensieri, sensazioni e malessere diffuso.

Cave non affonda più la lama come trent’anni fa, ma sostituisce l’assalto fisico con un abbraccio simbolico, fatto di carezze al cuore e parole sussurrate che non parlano di altri, ma di noi. Perché l’uomo sul terrazzo – emblema di questo isolamento emotivo il cui distanziamento fisico è lo stendardo disumanizzante della tragedia in corso – è il vicino di casa, l’amico che vive lontano, il barista, l’attore di periferia. È l’ordinary man, è Nick, siamo noi.

Il senso di comprensione, empatia e speranza che Balcony Man riesce a trasmettere trascende il concetto di forma canzone “da intrattenimento” diventando una Polaroid dai colori caldi che fotografa non tanto una situazione, quanto i sentimenti che ci stanno dietro. Perché ammettere (a se stessi?) che no, non sta andando tutto bene, è il primo passo per cercare di ricominciare a vivere sognando davvero di lasciare quel balcone e scendere le scale per uscire nuovamente, abbracciando l’essenza dell’esistere invece di abituarsi alla depressione fino a decidere di saltare la ringhiera.

Come sempre, Cave riesce a toccare corde che sfuggono ai più, usando parole pesate ma interpretando ogni singola sillaba sino a darle vita, facendola sembrare la cosa più semplice e naturale del mondo. La sua grandezza è racchiusa proprio qui. Con gli occhi lucidi e stanchi, le labbra tremolanti e i nervi a pezzi, accenniamo – finalmente – un sorriso dal terrazzo e ringraziamo di essere considerati, per una volta, “umani”.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.