Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Blackmore's Night: Four Winds
Trova il dettaglio che stona.
↤ Tracce

Uguali a se stessi e a nessun altro: renaissance folk che regala nuovo calore da antica taverna.

Blackmore's Night
Four Winds

Non è folk rock come ce l’abbiamo in mente. Non è folk metal – vivaddio – e nulla c’entra con la musica irlandese che i disattenti associano al Medioevo (quando appartiene in gran parte ai secoli dal diciottesimo in giù). Nuovi non sono di sicuro, nemmeno rispetto a sé stessi, e sin dal primo, indimenticato Shadow of the Moon, alle suggestioni renaissance hanno sempre affiancato una certa vena pop, poi sbrodolata di qualche sfogo chitarristico reminiscente di vecchie glorie. Insomma, la creatura generata da Ritchie Blackmore dopo il suo sostanziale addio all’hard rock – insieme all’anima gemella Candice Night, da cui il pun intended del nome – non ha un’identità proprio chiara, tranne per il fatto che i due colombi amorosi, circondati da corti di elfi e ghibellini, assomigliano sempre molto a sé stessi.

Dopo sei anni di silenzio, i due sfornano un album nuovo. Four Winds è il secondo singolo, ed è quello che ci si aspetta da loro, cioè un bel ballo tondo a tondo, colorato da strumenti che sembrano portati nel 2021 tramite DeLorean da un Rinascimento fumettoso che fa il cosplay di sé stesso. Osterie sperdute, viandanti incappucciati, streghe orbe e coboldi guerci si alternano nelle visualizzazioni partorite dalla nostra prevedibile testolina, mentre a sua volta il piedino non può che muoversi.

↦ Leggi anche:
Deep Purple: Time For Bedlam
Deep Purple: Man Alive
A proposito del 1970

Eppure, nonostante gli outfit dell’ex Deep Purple e Rainbow, della sua compagna dalla voce carismatica e di tutto il loro seguito di menestrelli possano sembrare parodistici, la pacchianata è evitata, l’ascolto resta piacevole e la qualità alta anche a distanza di anni. Non fosse altro perché sappiamo che questo fornaio ci darà esattamente questa pagnotta, calda e profumata come una delle dodici notti di Shakespeare.

Ma sì. Oste, versaci un po’ di sidro e vai con le danze, ché ce n’è bisogno.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.