New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Alice Cooper: Social Debris
Quando (quando?) finisce tutto facciamo una partita a golf

Ritorno alle radici per l’inventore dello shock rock.

Cinque secoli fa, nell’Elogio della follia, Erasmo da Rotterdam scriveva: «Quanto più un uomo invecchia, tanto più si riavvicina alla fanciullezza, finché lascia questo mondo in tutto come un bambino al di là del tedio della vita e al di là del senso della morte».

Certamente nessuno vuole augurare una fine precoce al signor Vincent Fournier, ma è certo che nel nuovo album il ritorno al (suo) passato sia lampante, partendo dal titolo. In Detroit Stories parla della sua città natale, e lo fa a modo suo usando come medium quel suono che ha reso celebri la Alice Cooper Band negli anni ‘70 e gli ha tolto qualche soddisfazione da solista in alcune fasi degli ‘80. Basterebbe sentire e guardare il clip del brano uscito poco tempo fa come teaser, Our Love Will Change the World per ritrovare l’ironia sarcastica e tagliente del caro vecchio Alice che torna a gamba tesa sulle flebili aspettative dei fan di vecchia data: mai una rotula spezzata poteva dare più piacere.

↦ Leggi anche:
Traccia: Alice Cooper: Paranoiac Personality

La verve non è mai mancata all’uomo con il pitone (non fate battutine ora, su), ma stavolta suona più convinta, grazie anche a un songwriting d’altri tempi che davvero non può non emozionare. Esempio lampante è questa Social Debris, viziosa e calda con un testo pungente ma mai sopra le righe, che pizzica velenosamente lo stato attuale delle cose senza scadere nel banale, sorretta da una serie di riff da manuale e un’interpretazione che sprizza Cooper da ogni poro. Perché l’utilizzo della metrica e la musicalità delle parole usate per amalgamarsi al suono erano e restano una delle caratteristiche chiave di Alice, il cui personaggio pittoresco ha troppe volte oscurato il suo talento nella composizione e nel dare vita propria ai brani.

Un ragazzino con qualche ruga forse, ma che sa ancora colpire deciso e lasciare il segno. Solleviamo la tuba al cospetto di una delle poche rockstar ancora degne di questo nome.

Alice Cooper 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!