Till Lindemann & David Garrett: Alle Tage ist kein Sonntag
Scarfaces
↤ Playlist

Non è sempre caviale, dicono gli ultimi dei romantici.

Till Lindemann & David Garrett
Alle Tage ist kein Sonntag

Non si può essere sempre felici, non può essere sempre domenica.

Lo dice il frontman dei Rammstein nel suo nuovo brano partorito in collaborazione con David Garrett, violinista famoso per aver adattato le composizioni d’orchestra al rock. Entrambi eretici, abili nell’indossare e dismettere maschere (l’ossessione di Till Lindemann) e a capovolgere i giochi di ruolo, i due artisti tedeschi partoriscono un brano denso di un cupo romanticismo.

↦ Leggi anche:
Lindemann: Steh auf
Till Lindemann: Ich Hasse Kinder
2001, Mutter: il capolavoro dei Rammstein è maggiorenne
Rammstein: Deutschland

Lindemann dà qua adito alla sua vena da chansonnier decadente unendo, come già nella versione al pianoforte di Mein Herz brennt o come in alcuni pezzi dell’ultimo lavoro del progetto Lindemann (ora definitivamente accantonato), la teatralità di Bertolt Brecht con le atmosfere ammorbate e lascive della Repubblica di Weimar.

La sua voce baritonale diventa una perla nera quando può esprimersi nella sua natura melodrammatica, denudata dai fasti del metal e lasciata sola nella dolente intensità. Come nelle poesie del suo libro In stillen Nächten: Gedichte, il cantante getta il costume da rock star e dà voce al silenzio nascosto tra gli anfratti della penombra, dove bene e male copulano per rivelare il mistero della natura umana. «E poi sarà buio, capelli grigi e un grigio pensiero. E se un giorno morirò, dovresti pensare a me» dice.

Caro Dr. Dick, non morire, che in un mondo pieno di pupazzi e caricature, c’è bisogno della tua cruda verità.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist: