Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Silent Skies: Here Comes the Rain Again
"Questo tempo va all'acqua..."
↤ Tracce

Un silenzio del cielo che tranquillizza e non inquieta.

Silent Skies
Here Comes the Rain Again

Silent Skies è il nome di un progetto che vede coinvolti il frontman degli Evergrey, Tom S. Englund, e il pianista di formazione classica Vikram Shankar. Il primo è un massiccio e romantico gentiluomo con capelli e pizzetto pennellati del nero del gatto di Poe, l’altro sembra più un malarico poeta uscito da un racconto di Rudyard Kipling. D’altra parte, Englund è un musicista affermato e Vikram solo un talentuoso spasimante nessuno, reo di aver caricato su YouTube una propria rilettura di un pezzo della progressive metal band svedese: Distance. Il cantante ha ascoltato la versione di Shankar, qualcosa è scattato dentro di lui e il seme di questa romantica storia creativa ha condotto all’uscita di un singolo dal titolo Horizons e, dopo un solo anno al fresco Satellites, da cui è tratta questa Here Comes the Rain Again, altro pamphlet acustico ideale per le giornate alluvionali di questo inverno inchiavardato.

Il pezzo è un assaggio interessante dell’intero album. Lo è perché mette in primo piano l’aspetto più bruciante e sensibile dei Silent Skies. Il brano è una dichiarazione d’amore alle intemperie della vita, oltre che all’originale degli Eurythmics, con voce e tastiere che salgono come una marea, a ritroso lungo i pendii delle cime tempestose della nostra esistenza travagliata. Il piano e gli arrangiamenti cullano il cuore mentre Englund accenna un percorso melodico dimesso, ma senza spasmi o arzigogoli tracheali.

Per la prima volta il silenzio del cielo non trasmette alcun senso di rifiuto ma una quiete che ascolta con noi, la pioggia cadere ancora una volta.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.