New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Sacred Legion: Hole in the Heart
(A)Live (Un)Dead

I figli bastardi dell’Italia death.

Dall’ultima volta che abbiamo parlato dei Sacred Legion il mondo si è rovesciato e buona parte dei piani della band ha subito dei rallentamenti, ma a volte l’attesa viene ripagata.

Il loro primo album, The Silent Lineage, non fa che confermare le ottime impressioni che il trio ciociaro aveva già suscitato: Fabiano, Mirko e Tony continuano a portare alta la torcia di un suono che ha fatto scuola e continua a rimanere nei cuori e nelle orecchie di chi lo ha amato visceralmente.

↦ Leggi anche:
Traccia: Sacred Legion: A Taste Of Turmoil

Hole in the Heart è l’anello mancante tra i Samhain e i Danzig: viziosa e cadenzata, arriva dritta al sodo nei suoi due minuti e mezzo trascinandoci letteralmente in uno scenario noir che ribolle sudiciume goth’n’roll senza lasciare scampo.

Come una mantide conscia dell’omicidio imminente prima del coito, i Sacred Legion ammaliano gli ascoltatori prima di affondare nella carne i loro denti infetti di quel veleno letale chiamato death rock nella sua forma più pura ed efficace: niente pose clownesche o tastierine divertenti, solo il crudo rigurgito nerissimo del figlio più bastardo che il r’n’r abbia mai partorito.

Già al debutto, un vero e proprio culto.

Sacred Legion 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!