New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Mekong: Industria
Un'innocua sigaretta, certo...

Lo straniero della porta accanto.

In Portogallo si beve ginjinha mentre si ascoltano leggende locali come Mão Morta, Pai Melga o Rua Do Gin. In Polonia si preferisce la Zubrowka da sorseggiare sulle note di Madame, Made in Poland o gli indimenticabili Siekiera. Due mondi apparentemente agli antipodi, ma con svariati punti in comune.

Renato Alves, portoghese trasferitosi a Cracovia è il deus ex machina dietro al moniker Mekong, che con Industria va a pescare a piene mani nel post-punk anni ‘80 e nel goth meno manieristico per buttarci in faccia l’alienazione provata nel trovarsi straniero in terra straniera. Joy Division e Cure come luci guida e un gusto per l’ossessività positive punk a fare da motore trainante. Il tutto trasportato nei vicoli gelidi dei giorni nostri, dove l’overdose di comunicazione verso chiunque nasconde in realtà una solitudine e un’aridità d’animo che non ha eguali nella storia dell’uomo.

Impossibile rimanere indifferenti di fronte al mantra ipnotico di un pezzo del genere, polaroid asettica di un’estetica che è espressione visiva di uno stato emotivo altrimenti indescrivibile.

Semplice, scheletrica, efficace.

Mekong 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!