New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Kid Cudi: Heaven on Earth
La trilogia continua, promesso!

Come direbbero su Netflix: finalmente è uscita la terza stagione!

L’aveva detto in occasione di The Adventures of Moon Man & Slim Shady, il brano realizzato in collaborazione con Eminem durante l’estate, che la trilogia sarebbe continuata, ed è stato di parola. Kid Cudi pubblica il terzo capitolo a distanza di dieci anni dall’ultimo episodio discografico sulla saga di Moon Man. Si intitola Man on the Moon III: The Chosen ed è zeppo di collaborazioni (Pop Smoke, Skepta – tra gli altri). Ci hanno messo mano i produttori più illustri della scena pop americana, incluso lo stesso Cudi e Dot da Genius e si preannuncia come l’ideale chiusa di un progetto ambizioso, nato all’origine del cammino creativo del Kid.

Anche qui si parla del duello egoico tra Kid Cudi e il suo alter ego cattivo Mr. Rager. Il video, diretto dal regista australiano Nabil, comincia con una curiosa citazione dedicata a Gabriele Muccino e l’apice filmico della sua trasferta americana: La ricerca della felicità. A parte l’abbigliamento giacca e cravatta di Cudi, però, le similitudini con il personaggio interpretato da Will Smith finiscono qui. Il clip infatti è una danza tra la vita e la morte del protagonista che, recuperato con i polmoni pieni d’acqua nel fondo di una piscina, vive cantando e ballando un’esperienza fuori dal proprio corpo e ritorna vivo, unico superstite, dopo che l’ambulanza e le due macchine della pula che lo scortano, finiscono impastate in un brutto incidentone.

Tra auto capovolte e balletti sul tetto della città affamata, Kid Cudi ci sciorina il solito rap pieno di “bitch” e “nigga” in cui si parla di una donna molto pericolosa ma si assicura l’uditorio che lui non si può fermare e non ha paura di nulla: è solo curioso di vedere come finisce.

Sommersi dal verbo-mitragliatore di questo ennesimo figlio della strada che ce l’ha fatta, finiamo per dover convenire con lui che ormai, ci piaccia o meno, è proprio lui il vero rock’n’roll.

Kid Cudi 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!