Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Harakiri for the Sky: And Oceans between Us
Sempre allegri bisogna andare
↤ Tracce

Lascia che gli oceani schiumino in mezzo a noi, per sempre.

Harakiri for the Sky
And Oceans between Us

Gli Harakiri for the Sky sono la giusta pranoterapia su una piaga cardiaca, ammesso che sia il cuore a custodire il sentimento che tutti ci unisce e divide. In fondo non sappiamo se anche in coma si possa continuare ad amare qualcuno. Ma questo brano non affronta un dilemma così gradasso e si concentra sul tempo immediatamente successivo a una storia che è finita, quando quell’unione profonda e lenitiva lascia il posto agli spettri di ciò che un tempo si era stando insieme e che ora proprio non si è più.

Ecco, se la nostalgia è il sentimento che ha preso il posto di ciò che una volta due persone chiamavano amore, allora ha senso finire tutto, portarsi via le foto e i ricordi e tagliare via la cancrena. Dire alla persona una volta così importante: tu sei il problema e io posso risolverti, lasciando che gli scampoli della nostra relazione muoiano avvelenati nel brodo del nostro stesso dolore. Questa canzone parla di tutto ciò che divide. Michael “JJ” V. Wahntraum non urla per tentare di edificare un ponte sonoro tra lui e l’essere a cui sta dicendo addio: urla per provare a far crollare i resti di un passo ormai logoro e precario.

And Oceans between Us è una camicia di forza cucita di spine e fil di ferro, di fiori olezzanti e sangue grumoso. Chiunque voglia risorgere dalle ceneri di un amore deve indossarla. Il succo del black metal più depressivo si asciuga al sole del tempo, berciando di un mondo senza amore, pesante come niente altro nella vita. Immaginate di guarire e morire insieme. Ecco, la cosa più atroce è dover rinunciare, in questa lunga degenza a quel raggio luminoso che perfora il nero del cielo e vi indica un nuovo incontro salvifico, una nuova vita speculare.

Terribile, no? Ma almeno avete la giusta canzone a tenervi compagnia!

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!


.