Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

††† Crosses:  The Beginning of the End
Ligi alle regole e distanziati anche sul divano
↤ Tracce

La strada per la fine è lastricata di nuovi inizi. Ma soprattutto di nuove croci, e delizie.

††† Crosses
The Beginning of the End

Tra gli innumerevoli progetti di Chino Moreno, uno di quelli che più ha saputo trovare un’ampia fascia di apprezzamenti incondizionati sono proprio i Crosses (non dimentichiamoci le †††). Bentornati, dunque, anche a Chuck Doom e Shaun Lopez.

The Beginning of the End, fin dal titolo e dal pattern melodico elettronico piuttosto scontati, riesce comunque a donarsi all’ascoltatore – forse proprio per questo, anzi – in tutta la sua semplicità. E, in effetti – se ben ci ricordiamo – anche l’album di debutto se la giocava quasi in toto attorno a questa caratteristica fondante.

↦ Leggi anche:
Deftones: Ohms

Ma non è tutto qui. C’è la voce del Chino (che non passa mai in secondo piano), la ballerina del video lo-fi, la pandemia alle porte (meglio dire dietro il sipario) e non è certo tutto Depeche Mode quello che si sente. Il brano, infatti – pubblicato il giorno di Natale – è una cover dei Cause & Effect, duo synth-pop della cara e vecchia Sacramento, con quarant’anni di attività alle spalle.

Insomma, i ragazzi in croce hanno di nuovo fatto capolino, anche se non si sa ancora se questa incursione inaspettata sarà estemporanea o farà parte di un ritorno vero e proprio. Che sia un regalo per le feste andate o un augurio per un 2021 meno complicato, poco importa. Noi attendiamo fiduciosi, con ancora nelle orecchie quel monito: «We may never learn from the past».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.