Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Cro-Mags: 2020
Pronti per l'anno nuovo, devo solo scegliere il basso.
↤ Tracce

Un ultimo sguardo indietro per fare a pezzi ciò che resta (se stessi compresi).

Cro-Mags
2020

Il 2020 secondo i Cro-Mags, o ciò che ne rimane. A vedere le immagini allucinanti del clip, la prima cosa che viene in mente è quanto questo mondo sia diviso: poliziotti e cittadini, bianchi e neri, trumpiani e no, malati e sani, mascherati e negazionisti. Anche la band di Flanagan però, paradossalmente risponde agli input di questo habitat scissionista, sdoppiandosi. Esistono questi Cro-Mags per esempio, ma ci sono anche i Cro-Mags JM, ovvero quelli di John Joseph e Mackie Jayson: rispettivamente il vocalist e il batterista storici, finiti in una zuffa legale con Flanagan per uso improprio del marchio.

2020 è perfetta per sintetizzare il senso di rabbia e frustrazione di un mondo che si sta accartocciando su se stesso, come se un dio stanco avesse finito per appallottolarlo e lanciarlo in un grosso cestino apocalittico. E quel dio ascolta i Cro-Mags, verrebbe da dire.

Il brano ci aggredisce ma non per annichilirci. Flanagan vuole scuoterci, tirarci su e spingerci nella mischia (in senso metaforico, visto il divieto di assembramenti). Due minuti e rotti di violenza temperata da un giro drammatico che ricorda i Dream Theater anni ‘90, anche se la voce bovina del bassista irrompe e afferra le redini metallare del brano, spingendolo sul binario hard-core vecchia scuola. Le parole vengono masticate e sputate in faccia a questo mondo disinnescato in una piovosa democrazia di like, dove – appunto – c’è un like per tutto, anche ciò che non ci piace proprio.

2020 è un tozzo verro sonoro che razzola su se stesso un po’ ottuso. Un’ottusità che sa di nobile ostinazione. Il pezzo gira nella spirale dei tre accordi e sale verso un cielo di lampi e odio, mentre filamentose chitarre arabeggianti avvolgono come ragnatele la decrepita torre di Babele in cui siamo arroccati.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.