New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Brandi Carlile: Searching With My Good Eye Closed
Smiles to (not) forget

Brandi Carlile
Searching With My Good Eye Closed

A occhi chiusi, per ricordare e guardare avanti.

Il Record Store Day 2020 è stato parecchio sfigato a causa della pandemia che ha fatto chiudere a più riprese i negozi di dischi di tutto il mondo, anche se – seppur in tempi difficili come questi – qualche nota positiva c’è comunque stata.

L’ambasciatrice dell’edizione – Brandi Carlile, nota cantautrice con base a Seattle – per celebrare la festa dei vinile ha proposto ai tre superstiti componenti dei Soundgarden un tributo – ça va sans dire – al gruppo di Chris Cornell. Il singolo – intitolato A Rooster Says e contenente due cover della seminale formazione – sarebbe dovuto arrivare nei negozi a giugno, poi la sua uscita è stata posticipata all’autunno. Infine, proprio come una bella sorpresa, il lavoro è stato condiviso dal primo gennaio 2021 su tutte le piattaforme streaming.

↦ Leggi anche:

Oltre alla buona performance vocale di Brandi, si segnala per essere la prima musica incisa in studio dai Soundgarden dai tempi del suicidio del loro frontman. In questo caso però il gruppo si fa accreditare come Nudedragons (un anagramma del loro nome, nonché il moniker usato nel 2009 per la loro prima reunion – per l’occasione con Tad Doyle al posto di Cornell). Il risultato – Black Hole Sun + Searching With My Good Eye Closed – è eccellente e parecchio interessante per tutti gli amanti del leggendario gruppo di Seattle perché fa ben capire quanto i tre continuino a essere una portentosa macchina da guerra sonica, ora come allora.

Non rimane che sperare che la formazione decida non tanto di riformarsi, ma comunque di continuare in un qualche modo la propria corsa anche senza l’apporto di una delle voci rock più conosciute e riconoscibili degli ultimi trent’anni.

Soundgarden Chirs Cornell Brandi Carlile 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!