Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Prudence: Be Water
Cos'è questo fumo? Avete spento il forno?
↤ Tracce

Le difficoltà di affrancarsi dal passato (per fortuna).

Prudence
Be Water

Un giorno qui su Humans vs Robots dovremo deciderci a fare una playlist, o un longform, dedicato alle band più sottovalutate degli ultimi 20 anni. Perché se il tema è mettere fuori musica eccellente e rimanere poco più che fenomeni locali, allora il duo parigino The Dø (Olivia Merilahti, voce, e Dan Levy, tutto il resto) ha parecchie cose da dire. O meglio, aveva – le strade dei due si sono separate ed è giunta l’ora dei progetti solisti.

Quello della Merilahti si chiama Prudence, e con questo nome ha recentemente pubblicato il suo EP d’esordio Be Water. Per quanto si possa giudicare da un EP, l’operazione Prudence sembra non avere ancora trovato un’identità precisa: ci sono un po’ troppe malcelate voglie di rifarsi (parafrasando un Thomas Prostata d’annata) un’immagine pop, molto pop – pure troppo.

↦ Leggi anche:
The Dø: Miracles (Back In Time) - Live In Paris

Ma questo non vale sempre, e soprattutto non per tutti i brani: la title track è una meravigliosa eccezione, tanto che il sospetto che possa essere un outtake di uno qualsiasi dei lavori della band francese si fa strada piuttosto presto durante l’ascolto.

D’altra parte anche a livello lirico tutto sembra fare riferimento al sodalizio interrotto con Dan Levy, che era di natura non solo artistica, ma personale: “We were matching for so long / Without always knowing why / Rid my self of all the rage / White flag high up in the air / War is over, tell the world”.

La guerra è finita, e dopo la guerra viene la pace. Per di più il pezzo si chiude ripetendo “Be one of my friends”, sii uno dei miei amici. Vero è che quando si dice “dai, rimaniamo amici” di solito si sta mettendo la pietra tombale sulla relazione; ma noi ci speriamo, in una reunion.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.