New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

PLAY DEAD: Six Hours Later
I ragazzi della 56ª strada

Londra chiama, loro rispondono con una storia di anfetamine e amicizia.

C’è questo ragazzo che un giorno compra un sacco di metanfetamine e – per non sbagliare – decide di prenderle tutte in una volta sola. Dopo sei ore non sente alcun effetto e torna a casa sua. Si sdraia nel suo letto, inizia a pensare alla sua vita, ai suoi amici, alla scuola. Proprio in quel momento, la chimica inizia a fare effetto… e non è finita qui.

I PLAY DEAD, giovane gruppo londinese, si prendono esattamente due minuti e diciassette secondi per raccontare questa storia, con un piglio decisamente hardcore, di quello bello tosto, che si suonava un tempo e che le nuove generazioni paiono aver dimenticato – tutti così presi ad assomigliare a Chris Martin e compagnia brutta.

Con Six Hours Later, il terzo singolo che anticipa il loro primo EP in uscita a inizio 2021, la formazione decide di spingere l’acceleratore al massimo buttandosi di fatto dentro al calderone di gruppi inglesi incazzati a nastro contro tutto e tutti (non gliene si può fare una colpa, con quel coglione di Boris Johnson a capo del loro paese).

Se siete fan degli IDLES o degli Shame, questa è una band che non dovete assolutamente perdere. E se Dio si è ormai rotto di salvare la regina, speriamo dia almeno una chance a questa nuova ondata musicale che, all’ombra della Union Jack, riesce a stupire ogni giorno di più.

PLAY DEAD 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!