Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

PLAY DEAD: Six Hours Later
I ragazzi della 56ª strada
↤ Tracce

Londra chiama, loro rispondono con una storia di anfetamine e amicizia.

PLAY DEAD
Six Hours Later

C’è questo ragazzo che un giorno compra un sacco di metanfetamine e – per non sbagliare – decide di prenderle tutte in una volta sola. Dopo sei ore non sente alcun effetto e torna a casa sua. Si sdraia nel suo letto, inizia a pensare alla sua vita, ai suoi amici, alla scuola. Proprio in quel momento, la chimica inizia a fare effetto… e non è finita qui.

I PLAY DEAD, giovane gruppo londinese, si prendono esattamente due minuti e diciassette secondi per raccontare questa storia, con un piglio decisamente hardcore, di quello bello tosto, che si suonava un tempo e che le nuove generazioni paiono aver dimenticato – tutti così presi ad assomigliare a Chris Martin e compagnia brutta.

Con Six Hours Later, il terzo singolo che anticipa il loro primo EP in uscita a inizio 2021, la formazione decide di spingere l’acceleratore al massimo buttandosi di fatto dentro al calderone di gruppi inglesi incazzati a nastro contro tutto e tutti (non gliene si può fare una colpa, con quel coglione di Boris Johnson a capo del loro paese).

Se siete fan degli IDLES o degli Shame, questa è una band che non dovete assolutamente perdere. E se Dio si è ormai rotto di salvare la regina, speriamo dia almeno una chance a questa nuova ondata musicale che, all’ombra della Union Jack, riesce a stupire ogni giorno di più.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.