Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Melvins: I Fuck Around
Manca solo la camicia hawaiana
↤ Tracce

Surfare ingrugniti facendo il dito medio ai bagnanti.

Melvins
I Fuck Around

Ogni volta che i Melvins pubblicano qualcosa fanno centro. Dopo ormai più di trent’anni verrebbe da chiedersi come facciano: una carriera zeppa di vette incredibili alternata a paesaggi dove al massimo si scendeva sul livello del mare. Mai si è scavato nel putrido e non è da tutti.

Non fanno eccezione le cover, sempre dritte al punto, dove il confine tra dissacrazione e venerazione è talmente labile da diventare un tutt’uno.

↦ Leggi anche:
Melvins: Christ Hammer

Prendiamo questo nuovo tributo ai Beach Boys, scelto come primo singolo del prossimo album Working with God: se da una parte fa sorridere la sfacciataggine blasfema con cui King Buzzo & Co. si approcciano al testo, dall’altra non si può non rimanere a bocca aperta di fronte alla fedeltà con cui il brano viene risuonato, riarrangiato e ripensato. È talmente perfetta che a chi conosce davvero la storia dei Beach Boys e dei suoi componenti viene quasi un sospetto: e se fosse questa la versione originale che i fratelli Wilson avevano davvero in mente? E se furono invece costretti a rimaneggiarla per evitare le censure dell’epoca?

Dicci Buzz, Brian ti ha lasciato le partiture e i testi originali? Perché qui si rasenta la perfezione in maniera totale. Probabilmente la cover dell’anno, ma non poteva essere altrimenti: d’altra parte, sono i Melvins.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.