Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

King Gizzard & The Lizard Wizard: Intrasport
Alla sera leoni, alla mattina... pure
↤ Tracce

Festini psichedelici acid house, surf e garage rock.

King Gizzard & The Lizard Wizard
Intrasport

Immaginate un house party con tanto alcool e tanta droga psichedelica. Aggiungeteci un retaggio garage rock che esce da qualche stanza sotto forma di fumo spiritico. Facile, no? Se non per memoria personale almeno per immaginario post-collegiale. Se vi dovesse servire qualche ulteriore aiuto per visualizzare il tutto (date le condizioni descritte lo escludiamo, ma non si sa mai!) metteteci le immagini di John Angus Stewart.

Ecco (ehm) “fatta” Intrasport, la nuova divagazione acid house dei trip rocker di Melbourne, vera e propria inondazione di novità per un sound e una discografia che continua imperterrita a riprodursi copiosa. Sintomo che nel Gizzverse (l’universo narrativo della band) c’è ancora molto da raccontare.

↦ Leggi anche:
King Gizzard & The Lizard Wizard: Cyboogie

K.G. è infatti il sedicesimo album dei King Gizzard & the Lizard Wizard a dieci anni dalla formazione e a otto dal primo disco. La matematica è abbastanza semplice: stiamo parlando di due album all’anno, senza contare demo-release e materiale di ogni sorta reso disponibile online secondo la formula pay what you want. Modello di business che, a quanto pare, ha posto le basi per il successo della band.

Per rimanere in tema di entrate e uscite, è praticamente certo che il budget del video sia stato speso quasi unicamente in erba. Non che ci sia niente di male, anzi. D’altronde, prima di diventare tutti robot, siamo ancora un po’ umani. E l’approccio loose & chilled di gente come Stu Mackenzie è quello che continua a piacerci.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.