New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Closed Mouth: The End of a Fucking Year
Ok, anche quest'anno bevo meno l'anno prossimo

… e buon anno a tutti!

Ci sono mille modi per chiudere l’anno con una canzone. Alcuni lo hanno fatto in maniera epica (gli U2 con New Year’s Day), viziosa (Prince, 1999) o rabbiosa (l’accoppiata 1969 - 1970 degli Stooges). Ma questo è stato un anno particolare, che merita un anthem a sé stante.

Ci penserà il francese Yannick Rault, alias Closed Mouth, a farvi andare di traverso lo spumante da discount trangugiato a canna da soli mentre con l’occhio spiritato fisserete lo schermo blu del cellulare in attesa di una parvenza di umanità da parte di amici, conoscenti e sconosciuti fingendo che “andrà tutto bene”, pur sapendo che per i prossimi mesi il vostro unico compagno di vita sarà lo stato di agitazione in perfetto isolamento.

Melanconico e dopato, il pezzo avanza claudicante fingendo un passo solo apparentemente sicuro, come un ubriaco che ha preso troppo Xanax e tenta di mettere a fuoco i movimenti lenti facendosi strada nella nebbia sensoriale autoindotta per zittire i vermi che gli rodono i nervi banchettando con le sinapsi. Figlio di una certa darkwave chitarristica dopata, il brano striscia tossico mentre trascina un testo malato, disegnando con vernici scadenti dai colori spenti e tratti nevrotici da pennelli spezzati lo stato d’animo predominante di questo curioso dicembre 2020 fatto di distanze emotive mascherate da buoni sentimenti: una tragica unione tra paura, apatia, egoismo, sconforto, confusione e rabbia repressa che solo il tempo potrà dire a cosa porterà.

Le cose o si fanno bene o niente: buttate nel water quella bottiglia scadente e datevi alla vodka o al gin. Perlomeno l’hangover domani avrà una dignità d’essere, e riascolterete in loop The End of a Fucking Year con il sorriso plastico e nevrotico degno di un Jack Nicholson in Shining.

Closed Mouth 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 6 persone!