Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Brendan Perry: O Memetis
In fondo sono anche simpatico
↤ Tracce

Dalla Grecia all’Oceania, e ritorno.

Brendan Perry
O Memetis

Esistono pochi musicisti che non hanno mai pubblicato nulla di brutto, imbarazzante o superfluo. Di quelli che hanno prodotto solo capolavori e al massimo si concedevano episodi leggermente sottotono. Questi ultimi vengono solitamente massacrati da critica e parte del pubblico, quasi in maniera sadica. La cosa fa sorridere, perché è come quando il primo della classe prendeva un 9 invece che un 10: i primi a puntare il dito erano quelli che quando arrivavano al 6 accendevano un cero alla Madonna.

Nel club dei meritatamente intoccabili un posto d’onore spetta a Brendan Perry, che a sorpresa se ne esce con un nuovo disco solista con radici antichissime sotto diversi aspetti. Il suo rapporto con il retroterra musicale ellenico nasce già in Australia, quando frequentava bar popolati da immigrati greci alimentati da ouzo che suonavano e cantavano brani della tradizione popolare accompagnandosi con strumenti tipici.

↦ Leggi anche:
Dead Can Dance: The Mountain
Lisa Gerrard & Jules Maxwell: Noyalain

Questo imprinting sonoro ha accompagnato Brendan per tutta la sua carriera: oggi, arrivato a un punto dove non deve più dimostrare nulla a nessuno se non a se stesso, il nostro decide di reinterpretare alcuni dei brani a cui è più legato vestendoli della sua innata classe. Le riletture di Perry sono come sempre incredibili, curate nei minimi dettagli ed è un piacere per i sensi cercare di decifrare gli strumenti utilizzati nei brani mentre le stratificazioni sonore confondono la razionalità e ammaliano lo spirito, lasciando l’ascoltatore in estasi completamente rapito dal ritmo e dalla sempre splendida voce baritonale della metà dei Dead Can Dance.

La scelta di tradurre in inglese questi brani è inedita e rende meno ostica la comprensione dei testi che, come è facilmente immaginabile, trattano di tutto quello per cui valga la pena vivere: socialità, alcool, buon cibo e belle donne. E va benissimo così.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Folk  Altra musica  January 2021  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.