Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Yo La Tengo: Bleeding
Siamo qui riuniti in preghiera...
↤ Tracce

Serenità spruzzata di noise, per essere comunque se stessi.

Yo La Tengo
Bleeding

La band fondata da Ira Kaplan e Georgia Hubley è uno di quei classici nomi che, quando vengono citati, spingono sempre gli altri a complimentarsi con te perché li conosci e apprezzi. Considerazione meritata, anche se forse un po’ condizionata da quella brutta malattia che vuole una band più figa in quanto sottovalutata dai più (e che induce la gente a cercare in ogni modo di demolire i grandi conclamati senza motivo).

In effetti Kaplan e soci non hanno mai raccolto più di tanto, se si considera la grande quantità di musica prodotta e la stima di cui godono negli ambienti dell’alt rock. Tuttavia, anche dal loro ultimo pezzo originale infilato in un EP di cover anni ‘60, traspare – a dispetto del titolo – una certa serenità. Un giusto spirito del fare musica con gusto e, per estensione, essere se stessi.

Elettrica dilatata da chorus e delay e un basso tondo come Giotto dipingono le pareti di questa stanza larga, comoda, arredata con pochi mobili essenziali. Le atmosfere sembrano un po’ quelle dei Low di I Could Live in Hope, ci si ritrova la lezione che hanno imparato bene gli War on Drugs, e si differenziano nettamente dal resto dell’EP, molto più classicamente folk rock (fatta eccezione per l’allucinata, ipnotica versione di It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to Cry). Giusto una spruzzata di noise verso la fine, con quel ride che cresce come l’eco di una vetrata rotta.

Sleepless Night – scritto in collaborazione con l’artista Yoshimoto Nara – contiene cover di Byrds, Delmore Brothers, Ronnie Lane, The Flying Machine e Dylan, riviste attraverso la sensibilità della band che ha preso la palla al balzo. Questo brano è appunto l’unico inedito, appena una parentesi che arriva come un respiro lungo e meritato dopo uno sforzo prolungato. Meglio scordarsi di ostentare che si conoscono gli Yo La Tengo alle cene di amici nerd, per un po’, e goderseli.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.