New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Yo La Tengo: Bleeding
Siamo qui riuniti in preghiera...

Serenità spruzzata di noise, per essere comunque se stessi.

La band fondata da Ira Kaplan e Georgia Hubley è uno di quei classici nomi che, quando vengono citati, spingono sempre gli altri a complimentarsi con te perché li conosci e apprezzi. Considerazione meritata, anche se forse un po’ condizionata da quella brutta malattia che vuole una band più figa in quanto sottovalutata dai più (e che induce la gente a cercare in ogni modo di demolire i grandi conclamati senza motivo).

In effetti Kaplan e soci non hanno mai raccolto più di tanto, se si considera la grande quantità di musica prodotta e la stima di cui godono negli ambienti dell’alt rock. Tuttavia, anche dal loro ultimo pezzo originale infilato in un EP di cover anni ‘60, traspare – a dispetto del titolo – una certa serenità. Un giusto spirito del fare musica con gusto e, per estensione, essere se stessi.

Elettrica dilatata da chorus e delay e un basso tondo come Giotto dipingono le pareti di questa stanza larga, comoda, arredata con pochi mobili essenziali. Le atmosfere sembrano un po’ quelle dei Low di I Could Live in Hope, ci si ritrova la lezione che hanno imparato bene gli War on Drugs, e si differenziano nettamente dal resto dell’EP, molto più classicamente folk rock (fatta eccezione per l’allucinata, ipnotica versione di It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to Cry). Giusto una spruzzata di noise verso la fine, con quel ride che cresce come l’eco di una vetrata rotta.

Sleepless Night – scritto in collaborazione con l’artista Yoshimoto Nara – contiene cover di Byrds, Delmore Brothers, Ronnie Lane, The Flying Machine e Dylan, riviste attraverso la sensibilità della band che ha preso la palla al balzo. Questo brano è appunto l’unico inedito, appena una parentesi che arriva come un respiro lungo e meritato dopo uno sforzo prolungato. Meglio scordarsi di ostentare che si conoscono gli Yo La Tengo alle cene di amici nerd, per un po’, e goderseli.

Yo La Tengo 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!