Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Rob Zombie: The Triumph of King Freak (A Crypt of Preservation and Superstition)
Eppure i barbieri sono ancora aperti...
↤ Tracce

Il ritorno trionfale del Re dei Freak e di molte altre bestie sataniche.

Rob Zombie
The Triumph of King Freak (A Crypt of Preservation and Superstition)

Siore e siori, ghoul e vampire, nani e mangiafuochi, marziani e superbestie, Robert Bartleh “Zombie” Cummings è tornato. E la forma è davvero smagliante, sporca, ruvida, metallara e ancora capace di esaltare chi ama e ha amato lo strambo personaggio in questione. Non solo in senso nostalgico, sia chiaro.

Vero reietto del diavolo, Zombie stupisce ancora, semplicemente facendo “il suo”, come una volta, rispolverando abiti e sound antichi, ma senza cambiare di un soffio. Cari e vecchi fan di Dragula ecco voi nuova linfa vitale (compreso un titolo di quelli belli lunghi e kitsch abbastanza da entusiasmarci solo a pronunciarlo tutto d’un fiato).

«The Demons hate you!» come intro canonico da generazione cresciuta a fumetti hard e film horror. E poi rock’n’roll, di quello vero, groove che non moriranno mai (un po’ memori dei Beastie Boys) e quel tocco vintage che abbiamo imparato ormai a considerare manna dal cielo. «And the crows will dig your grave. I do not forgive, I do not save» dice zio Zombie. E noi gli crediamo.

Non è che ci sia poi molto altro da aggiungere su un tipo del genere. Regista, fumettista, musicista, artista a tutto tondo. Ancora capace di trascendere le generazioni e dire la sua, senza mai rivoluzionarsi del tutto, ma tenendo alto lo scettro dello shock rock, anche se ora è diventato vintage rock, e comunque – in fin dei conti – è il solito vecchio, caro r’n’r. Quello che ci piace. Eccome se ci piace.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  Metal  November 2020  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.