New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Rob Zombie: The Triumph of King Freak (A Crypt of Preservation and Superstition)
Eppure i barbieri sono ancora aperti...

Rob Zombie
The Triumph of King Freak (A Crypt of Preservation and Superstition)

Il ritorno trionfale del Re dei Freak e di molte altre bestie sataniche.

Siore e siori, ghoul e vampire, nani e mangiafuochi, marziani e superbestie, Robert Bartleh “Zombie” Cummings è tornato. E la forma è davvero smagliante, sporca, ruvida, metallara e ancora capace di esaltare chi ama e ha amato lo strambo personaggio in questione. Non solo in senso nostalgico, sia chiaro.

Vero reietto del diavolo, Zombie stupisce ancora, semplicemente facendo “il suo”, come una volta, rispolverando abiti e sound antichi, ma senza cambiare di un soffio. Cari e vecchi fan di Dragula ecco voi nuova linfa vitale (compreso un titolo di quelli belli lunghi e kitsch abbastanza da entusiasmarci solo a pronunciarlo tutto d’un fiato).

«The Demons hate you!» come intro canonico da generazione cresciuta a fumetti hard e film horror. E poi rock’n’roll, di quello vero, groove che non moriranno mai (un po’ memori dei Beastie Boys) e quel tocco vintage che abbiamo imparato ormai a considerare manna dal cielo. «And the crows will dig your grave. I do not forgive, I do not save» dice zio Zombie. E noi gli crediamo.

Non è che ci sia poi molto altro da aggiungere su un tipo del genere. Regista, fumettista, musicista, artista a tutto tondo. Ancora capace di trascendere le generazioni e dire la sua, senza mai rivoluzionarsi del tutto, ma tenendo alto lo scettro dello shock rock, anche se ora è diventato vintage rock, e comunque – in fin dei conti – è il solito vecchio, caro r’n’r. Quello che ci piace. Eccome se ci piace.

Rob Zombie 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!