Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Topographies: Rose of Sharon
Qualcuno ha il manuale logaritmico?
↤ Tracce

Il ritorno all’era romantica della matematica.

Topographies
Rose of Sharon

Non deve essere facile fare il musicista per te, figlio di una leggenda della musica. Qualsiasi cosa farai sarà sempre e comunque paragonata a quanto fatto da tuo padre, la cui ombra inesorabilmente seguirà le tue gesta, perlomeno da parte della critica dozzinale.

D’altronde è impossibile cambiare le cose, e se colui che ha contribuito a metterti al mondo è stato un membro chiave dei Cure negli anni ‘80 (checché ne dicano i detrattori, Lol era il batterista migliore possibile per la band in quegli anni) è normale che la cosa venga citata.
Ma il tutto finisce qui.

Dopo una lunga gavetta zeppa di singoli ed EP, i Topographies, capitanati da Gray Tolhurst, arrivano a quella che una volta veniva considerata la consacrazione dell’album (in uscita entro l’anno) e scelgono come singolo Rose of Sharon, un brano che ricorderà i Cure solo a chi proprio ce li vuole trovare. Qui infatti ci muoviamo in ambienti shoegaze, con venature dream-pop e un’attitudine tendenzialmente solare che ci presenta una band sì giovane, ma già in grado di creare un acquarello tutt’altro che banale, piacevolmente senza tempo, con rimandi al post-punk “moderno” e un occhio di riguardo alle melodie, che potrebbe andare in heavy rotation nelle College radio americane diventando un piccolo cult.

Con una qualità simile non stupirebbe vederli, appena sarà possibile, su un palco di qualche festival prestigioso: teneteli d’occhio.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.