Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sangre de Muerdago (feat. Steve von Till): Xuntas
Menestrelli dialettali
↤ Tracce

Il folk ancestrale della Galizia rediviva.

Sangre de Muerdago (feat. Steve von Till)
Xuntas

La riscoperta del folk tradizionale negli ultimi tempi ha regalato numerose perle underground, venute fuori come funghi un po’ da ogni dove. Alcuni direbbero dall’ombra di certe piante secolari, e probabilmente ci prenderebbero.

Tra questi sicuramente sono da annoverare i galiziani Sangre de Muerdago, integratisi a pieno titolo nei neofolk acts di festival come il Roadburn. Ed è forse proprio da lì che qualche amicizia giusta da spendere nel giro è venuta poi fuori.

↦ Leggi anche:
Steve Von Till: Shadows on the Run
Steve Von Till: Called from the Wind
Neurosis: Fire Is The End Lesson

Steve von Till, ormai quasi ospite fisso di appuntamenti tipo quello olandese, è rimasto talmente incantato dalla musica portata avanti dai giovani menestrelli spagnoli – che fanno capo a Pablo C. Ursusson, poeta, musicista, scrittore e anima pia del caso – che ha deciso di prestare la sua voce al nuovo brano Xuntas, precursore del disco omonimo.

Il dialetto gallego resta la parte più emblematica delle composizioni dei Sangre de Muerdago, così come la loro lenta e pacata scorribanda evocativa nei territori ancestrali di certi suoni antichi, ormai perduti tra urbanizzazioni e cosmopolitismi che tendono a omologare una cultura florida e variopinta come quella europea. Funziona, sì. Con o senza l’amico dei Neurosis.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.