Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Rex Pistols: Don't Be Afraid of My Heart
Tender is the new punk
↤ Tracce

Combattere il sistema a botte di canditi e orsacchiotti pucciosi.

Rex Pistols
Don't Be Afraid of My Heart

Il capello ossigenato c’è, i tatuaggi e i piercing pure. Per il resto, non siamo propriamente di fronte a una band che punta forte sulla silhouette da fotomodello tossico, ma guardiamoci negli occhi: il punk è uno stato mentale, mica una gara delle apparenze – uno stile di vita, mica la spilla da balia su un vestito strappato. Ok, Malcolm McLaren non sarebbe stato d’accordo. Vivienne Westwood sarebbe appena scoppiata a ridere. Allora diciamo che qui stiamo parlando di un esperimento iconoclasta applicato alle icone dell’iconoclastia: qualcosa del tipo kill the idols that killed your idols. Sono sicuro che nel ‘77 in non pochi avrebbero apprezzato.

Rex Beckett gioca con le parole, le epoche, i generi musicali, i canoni (non) standardizzati di bellezza, i nomi e i cuori incrociati. Per questo ne esce una roba che – inevitabilmente, a modo suo – più punk non si può. Un grido dolce e tenero – ma allo stesso tempo drammatico e radicale – di autodeterminazione e riscoperta di sé. Estrema, vulnerabile, si porta appresso una crudezza terminale, come se ti servisse sul piatto il suo cuore ancora caldo, in attesa che tu lo ascolti battere. Solo che di contorno ci sono marshmallow, frutta candita e tutto un baccanale morbido e velato di pucciosità in toni pastello, al servizio di una Bonnie Tyler orgogliosamente curvy, autoironica e con un costante accenno di sorriso sulle labbra.

E in effetti Don’t Be Afraid of My Heart potrebbe ricordare, sotto certi punti di vista, proprio la versione di Total Eclipse of the Heart in salsa islandese: soffusa, meno ansiogena e senza riferimenti sottintesi a vampiri e vampirismi, ma non per questo meno accattivante. Perché Rex Pistols è comunque un profondo atto di edonismo: groove synthpop minimali, persi dentro un certo blues-goth caricato di lussuria, paura, noia e decadenza. Ostentatamente fragile, apparentemente oscena. Forse entrambe le cose, forse nessuna delle due.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Pop  Electro  November 2020  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.