New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Public Enemy (feat. Cypress Hill & George Clinton): Grid
Don't believe the hype

Public Enemy (feat. Cypress Hill & George Clinton)
Grid

Restituire al rap la sua anima old school e alle persone la propria voce.

Con album dai titoli profetici come Fear of a Black Planet (1990) e The Evil Empire of Everything (2012) la seminale crew newyorkese ha attraversato imperterrita trentacinque anni di storia americana assistendo non solo alla mutazione genetica dell’elettorato dal secondo mandato Reagan a Trump, ma anche del rap stesso, che è passato da essere un idioma di strada pregno di coscienza sociopolitica a un mero linguaggio pubblicitario per prodotti da classifica patinati.

L’American dream della scalata sociale con la quale il rapper diventa il self-made man che ce l’ha fatta non fa che inasprire il divario tra il drop-in e il drop-out, divario che l’hip hop conscious ha sempre cercato di mitigare proponendo un modello diverso dal bitches & pimp e alzando il livello di consapevolezza.

↦ Leggi anche:
Nina Hagen (feat. George Clinton & Taquila Mockingbird): Unity
DJ Muggs the Black Goat: Nigrum Mortem

Risultato? Un gran casino. Il re Mida del gangsta rap Dr. Dre non vive a Compton, ma in un villone a Brentwood, la diatriba West Coast vs. East Coast è finita in un mare di sangue e personaggi illustri quali Jay-Z e Kanye West con rispettive consorti sono assurti al ruolo di novelle Royal Family.

Ecco che allora Chuck D, Flavor Flav e soci escono con What You Gonna Do When The Grid Goes Down, un album che è una critica mordace alla realtà distopica e divisiva creata dai social media (grid per l’appunto) e, nel contempo, una lettera d’amore aperta all’hip hop old school e alla sua attitudine, di cui la loro etichetta Def Jam fu protagonista.

Dal pestaggio di Rodney King avvenuto il 3 marzo 1991 all’uccisione di George Floyd il tempo pare essersi fermato malgrado la presidenza Obama, e il motto Black Lives Matter risuona oggi come una bella etichetta tipo quella delle Adidas, da appiccicare addosso all’ennesimo prodotto confezionato. I Public Enemy ridanno fiato proprio a quel «I can’t breathe» strozzato di Floyd, ridestando la voce di chi l’ha persa, e per farlo coagulano i migliori nomi della storia della musica nera tra cui (in questo brano) i Cypress Hill e il re del funky George Clinton.

Cosa saremmo tutti quanti se internet si bloccasse? Forse torneremmo per le strade a ballare, cantare, amarci e combattere veramente per un mondo più giusto. Con distanziamento sociale (per ora), ma non delegando a un algoritmo la difficile e meravigliosa responsabilità delle nostre esistenze.

Public Enemy Cypress Hill George Clinton 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!