New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Pixies: Hear Me out
Non vi libererete facilmente di noi

Cazzoni, scaciati, confortanti, vivi e vegeti.

I grandi vecchi dell’indie-rock sono di nuovo qui, e sembra abbiano chiamato Sergio Leone per i videoclip. No, in realtà è l’ungherese Maximilla Lukacs, ma insomma ci siamo capiti. Hear Me out – che a sentire la bassista/cantante Paz Lenchantin è un po’ la risposta dei Pixies ad #andràtuttobene – è visualizzato con toni western a Taos, New Mexico, non lontano da una riserva Navajo e a due ore e rotti di macchina da dove un affabile professore di chimica muoveva i primi passi nel business ricreativo.

Tra macchine da scrivere, tegole cadenti, evoluzioni al lazo, cinematografiche inquadrature dall’alto e Paz che se ne va in giro per il deserto in poncho imitando Joe lo straniero in Per un pugno di dollari, la filosofia laterale e ironica dei Pixies sembra suggerirci che alle pesantezze dei tempi duri ci si oppone cazzeggiando nel modo più spettacolare che si può.

↦ Leggi anche:
Traccia: Pixies: On Graveyard Hill

I riff di basso sono tutti al posto giusto, le chitarre grasse al punto giusto, il batterista David Lovering frusta i cavalli con la giusta ignoranza, e tutto va come dovrebbe andare in un pezzo dei Pixies. Un edificio con fondamenta squadrate e solide e un sacco di cornicioni rotti, viti spanate e murales pazzerelli a partire dal primo piano.

«It’s all right / It’s ok / It’s all right / It’s ok». Viene in mente Anna Marchesini che dice «sì, ma magari sviluppa un po’ il concetto», e invece no. Perché è vero: non è un brano che cambierà la storia, non serve a curare il cancro, ed è probabile che nessuno dirà mai a Helena Bonham Carter «mi hai conosciuto in un momento molto strano della mia vita» sulle note di un pezzo così (o magari sì, chi può dirlo). Ma la verità è che non si può che essere grati che nel 2020 ci siano ancora i Pixies, e che ancora scrivano roba del genere.

Pixies 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!