Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Omewenne: Nautilus (2020 Version)
Musica senza età, luogo, epoca, nè confini
↤ Tracce

Lo smeraldo più brillante e prezioso del mondo, nascosto sul fondo dell’oceano underground.

Omewenne
Nautilus (2020 Version)

Un’infanzia travagliata tra adozioni e trasferimenti tra Inghilterra, Giappone e California. Una gioventù tossica in cui conosce e ha una relazione con Rozz Williams. Una manciata di demo dove fa tutto da sola distribuiti per la Happiest Tapes on Earth di Chuck Collison. Qualche brano sparso su compilation/culto (l’immensa e inarrivabile accoppiata Nautilus / Waves. La splendida cover di Ashes dei Christian Death, il toccante tributo a Rozz con In Winter Time My Body (poesia di Williams musicata postuma). Qualche sporadica apparizione dal vivo che lasciava a bocca aperta l’esiguo e fortunato pubblico. E poi altri demo, teatro, cinema, collaborazioni, videoclip homemade, libri, poesie. Il tutto sempre alla spasmodica ricerca di sé tramite la propria arte, nonostante le frustrazioni dovute ai rifiuti di infinite (e sorde) etichette discografiche.

Ogni amante della musica vera dovrebbe ascoltare attentamente Omewenne almeno una volta nella vita. Basterebbe per far capire quanto criminoso sia il suo non essere mai riuscita a emergere dall’underground. Il disinteresse delle label e la conseguente impossibilità a reperirne il materiale per il pubblico poco disposto a scavare negli archivi più nascosti, hanno privato il mondo tutto del piacere nell’ascolto di una delle artiste migliori dei nostri tempi.

Omewenne richiede tempo, si prende i suoi spazi, ma ricompensa con un caleidoscopio di emozioni profonde che è quasi impossibile descrivere. La sua musica è l’estensione delle filastrocche inventate infantili che ci risuonano ancora dentro, ugualmente dolci e spaventevoli, quasi come se lei cantasse per noi – di noi? – pur disegnando paesaggi fantastici che appartengono a dimensioni altre.

Finalmente oggi è disponibile il suo catalogo completo, che dopo un lungo periodo di stop ha ricominciato ad arricchirsi con album che sono un insieme di brani registrati negli ultimi quindici anni grazie alla supervisione di mostri sacri del genere quali William Faith. Ultimo in ordine di uscita è Benten che, in mezzo ad altre perle, contiene quella che forse è la pietra preziosa più scintillante – sia del disco che del catalogo tutto: Nautilus. La ritroviamo qui dopo 23 anni in una veste nuova: spogliata dell’aura più dark e sintetica, viene riproposta con strumentazione acustica e umana, aggiungendo una coda inedita dove il cambio d’atmosfera riesce a trasportare l’ascoltatore su livelli emotivi indescrivibili. Come ogni brano senza tempo, anche questo fa storia a sé ed è una chiave d’accesso ai diversi mondi di Omewenne, tra melodie, aperture sonore che tolgono il fiato, dissonanze lancinanti sposate a passaggi musicali che sono pura poesia con la voce di lei che dipinge affreschi emotivi al confine con il sublime.

Fate un favore a voi stessi: dedicate tempo a Omewenne. Iniziate da qui e poi sbirciate nella sua pagina Bandcamp. Sarà la scoperta che aspettavate da sempre e – come spesso accade per tutte le cose di valore – era già lì: bastava vederla.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.