Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Kairon; IRSE!: Welcome Blue Valkyrie
I Tame Impala dei boschi finnici
↤ Tracce

I colori spaziali della Finlandia shoegaze.

Kairon; IRSE!
Welcome Blue Valkyrie

Tra gli scaffali (virtuali o non) di un panorama shoegaze per palati sopraffini c’è sicuramente da ritrovare il nome dei Kairon; IRSE!. Scritto proprio così, sì. D’altronde, ormai da un po’ l’interpunzione nei nomi è ormai una moda hipsterofila. Quindi qui abbondiamo: non solo il punto esclamativo, ma anche il punto e virgola. Bisogna, dopotutto, essere al passo con i tempi in tutto e per tutto!

A parte le questioni anagrafiche comunque, c’è da constatare che, a questo punto della storia, la formazione finnica è riuscita ad accaparrarsi un interessante spazio nel cuore degli aficionados della psichedelia eterea. Già, proprio quelli che hanno trovato nel verbo indie dei Tame Impala una nuova manna dal cielo.

Il primo disco dei ragazzi di Seinäjoki è uscito nel 2014 grazie a un crowdfunding su Bandcamp (e non si dica che il DIY non riservi poi sorprese) e da allora i Kairon; IRSE! si sono mossi (bene) in quei meandri psych-vintage, lasciando talvolta in bocca un retrogusto di progressive nordeuropeo (qualcuno dica pure Motorpsycho). Tutto molto bello. Tutto molto buono.

Welcome Blue Valkyre è il nuovo pezzo, tratto dal terzo lavoro, Polysomn, uscito a fine settembre per la mitica Svart Records. Il post-rock si mischia ai My Bloody Valentine e alle rimembranze degli Slowdive, offrendo sei minuti di colori spaziali, riverberati e cosmici, ma che – tutto sommato – sanno ancora di Beatles.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.