Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ghostemane: AI
Trapper che incontri, tatuaggio sul collo che trovi
↤ Tracce

Che si creda o meno nelle etichette, lo chiamano trap-metal.

Ghostemane
AI

Ghostemane è uno che fai fatica ad ignorare. Piaccia o non piaccia, il giovane rapper statunitense ha destato un interesse che non può essere bypassato facilmente. Soprattutto perché si tratta di uno dei fenomeni più fortunati di quell’underground che ha saputo finalmente mischiare il tono rap con il sentore del metal. A patto che non sia una cosa che non suoni alla Beastie Boys. Siamo, dopotutto, nel 2020.

Ghostemane è Eric Whitney, ma è anche come Baader-Meinhof, Swearr, Limsa, Lominsa o GASM, o un membro di una delle tante formazioni da cantina floridiana hardcore punk. Tanti nomi che si affacciano oggi sul medesimo territorio shock-rock di scuola Marilyn Manson. Personaggio di cui Ghostemane potrebbe – secondo molti – diventare erede. I tatuaggi ci sono, la faccia pure, il sound anche.

Non è un caso, forse, che il classe ‘91 floridiano abbia dalla sua il fatto di aver racimolato il consenso di un pubblico che rappresenta entrambi i territori di provenienza: quello del flow da bro, dei bassi a cannone e dei producer underground con quello dei rocker fedeli alla linea distorta, ma un po’ annoiati e sempre bisognosi di novità.

AI è uno dei nuovi pezzi contenuti in Anti-Icon, e riprende le consuete tonalità chiaroscurali dell’occultismo nichilista di scuola depressiva. In pieno stile Betty Boop / Felix the Cat, l’immaginario del video acchiappa ancora una volta per il suo essere cool, catchy, al passo con i tempi e, infine, serve a ricordare che un riff di chitarra elettrica sul finale può ancora riconciliare gli estremi.

I Carcass, i Deicide e i Bathory risiedono infatti negli scaffali della musica di Whitney, anche se il sound è quello dei trapper in voga. Stai a vedere che funziona.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.