Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Fleet Foxes: Shore
Il mio profilo migliore
↤ Tracce

Lasciarsi andare, come un sospiro di sollievo.

Fleet Foxes
Shore

Un disco dei Fleet Foxes è un posto in cui rifugiarsi quando le cose non vanno come sperato, specie perché la musica scritta da Robin Pecknold – fresca e nostalgica insieme – serve a lui per primo come nido dove far riposare le inquietudini.

Cosa che non ci manca, nella cosiddetta “nuova normalità”, sia per la pandemia in sé e le sue conseguenze pratiche, che per il modo in cui queste fanno effetto domino sull’emotività di ciascuno di noi, in modo diverso a seconda di carattere, momento della vita, classe sociale e tutto il resto, ma spesso non meno devastante.

↦ Leggi anche:
Fleet Foxes: Fool's Errand

Uscito come una bella sorpresa sotto l’equinozio d’autunno, Shore è in realtà l’ennesimo lavoro posticipato a causa del virus, e forse sarebbe stato un parto difficile anche senza il COVID-19, come lo è stato il precedente Crack-Up. Ma ne è valsa la pena.

La title-track, che poi è l’ultimo pezzo del disco, può fare da sponda per ancorarsi e rifiatare, oppure per partire alla scoperta di questi paesaggi ventosi, ogni volta più colorati dall’estro dei numerosi ospiti e dalla cresciuta raffinatezza del songwriting di Pecknold, sempre legato alle armonie vocali che costruisce in gran parte da solo ma meno dipendente dalle classiche chitarre folk-rock di Helplessness Blues, aperto ad atmosfere più ampie, scenografiche, rilassate, imperniate su percussioni, fiati e pianoforte. Un posto tranquillo, anche se spazzato dalle correnti e lambito dalle maree, in cui la natura ci parla come lo faceva ai poeti del Novecento, dove nel ritmo dei passi si può ritrovare un universo indifferente, al di sopra di tutto, con lui che fa da tramite, sciamano e guaritore.

C’è da fidarsi e lasciarsi andare, sperando che l’inverno ci porti più posti caldi e sicuri come questo.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.