The Copper Trees: Eyes
Mark Rothko? Scansate proprio!
↤ Playlist

Arrivano da Seattle ma più che al grunge guardano alla New York dei Velvet Underground e di Andy Warhol.

The Copper Trees
Eyes

Ascoltando la canzone di debutto dei Copper Trees, duo formatosi a Seattle giusto qualche mese fa, è inevitabile venga subito alla mente I’ll Be Your Mirror dei Velvet Underground.

Inevitabile perché Kate Neckel è un’artista newyorkese a 360 gradi con importanti progetti multimediali alle sue spalle e collaborazioni – da David Byrne dei Talking Heads a Mike McCready – che l’hanno sicuramente ispirata e influenzata anche in questa nuova avventura.

Al fianco di Kate c’è Eric Lilavois, produttore e collaboratore in diverse serie televisive americane, nonché proprietario del London Bridge Studio, luogo sacro dove nei primi anni Novanta hanno registrato tutte le migliori band della scena musicale di Seattle (dai Temple of the Dog ai Pearl Jam, per intenderci).

A sentire Eyes si può affermare che l’incontro tra i due – tra arte e musica – sia indubbiamente riuscito. Ora non ci rimane che aspettare il disco di debutto che, si dice, potrebbe arrivare entro la fine dell’anno.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist: