Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Bitch Falcon: Martyr
STOP! Lizzie, non mi guardare in camera però!
↤ Tracce

Dream-grunge e bassissimo profilo, da Dublino con rabbia.

Bitch Falcon
Martyr

Magari non tutti sono stati informati, ma l’Irlanda regala sempre belle soddisfazioni quando si parla di nuova musica. C’è tutta una generazione fresca o abbastanza fresca di cantautori potenti, non necessariamente legati alla sempre vivissima musica tradizionale, anche se bene o male a un certo punto capita che ci finiscano con almeno mezzo piede dentro, quando non con tutti e due.

Ecco, è onestamente difficile immaginarsi fra qualche anno Lizzie Fitzpatrick con in mano una concertina, in mezzo a vecchi con camicie a quadri e pinte di Guinness. Va bene che nella vita non si può mai dire, ma già l’aver fondato – con due amici, in una piccola cucina di Dublino – un power trio dream-grunge chiamato Bitch Falcon dovrebbe fornire indizi sul fatto che quantomeno non rientra nei suoi programmi per il prossimo futuro, oltre che stabilire in modo sufficientemente chiaro che l’identità artistica del gruppo non si basa sul basso profilo.

L’impressione è confermata appena si spinge play e parte la traccia che anticipa Staring at Clocks, che sarà pure il titolo del debutto della band. Martyr è rabbiosa, poggiata su riff di chitarra e basso intrecciati, e tutta in salita, un muro di suono che oscilla dal medio, all’alto, al medio, all’altissimo, in un crescendo mozzafiato che finisce in distorsioni selvagge e probabilmente corde strappate coi denti e microfoni presi a capocciate come farebbe Giorgio Canali.

Sembra essersi ascoltata parecchio PJ Harvey, la ragazza, e pure un po’ Elizabeth Fraser, nelle pause, perché se si va oltre l’impatto punk e cattivo, anche negli effetti della chitarra c’è quel che di sognante, di curato. Visto il risultato finale, tocca aspettarsi grandi cose da questi tre. Terribili, certo, ma grandi.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.