Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Son Lux: Undertow
Uno e trino
↤ Tracce

Domani è un altro giorno. O forse son più di uno?

Son Lux
Undertow

Mettere in discussione, sfidare, fare a pezzi e ricostruire da zero la propria identità. Quattro passi di un algoritmo e un ordine esatto, indiscutibile, in cui compierli. Complicato farlo, oggi, in un terreno minato come l’America attuale. Eppure mai come oggi necessario.

Ryan Lott ha deciso di provare a mettere questo sforzo in musica, ma si è subito reso conto che un solo album non sarebbe stato sufficiente. Così il progetto ha preso la forma di una trilogia che tenta l’impossibile: raccontare il nostro domani (tutti i domani possibili) a partire dalle ceneri del nostro presente (qualunque esso sia). Tomorrows I è appena uscito, le restanti due parti dovrebbero vedere la luce entro l’inizio del prossimo anno. E, visti i tempi, già prendersi un impegno del genere riguardo al proprio – di domani appunto – non è cosa da poco.

Son Lux era nato come un progetto solista, che potesse portare su un altro livello di sperimentazione la formazione classica di Lott. Poi sono arrivate le chitarre mistiche di Rafiq Bhatia e la batteria roboticamente umana di Ian Chang e l’idea ha preso una forma più (in)definita, che si è dimostrata capace di trasformare i momenti più intimi in racconti di una maestosità che toglie il fiato, arricchendo ogni nitido, minuscolo dettaglio con una grandeur mai snob, seppur complicata.

Undertow fa sua la linea dell’ermetismo e dello sperimentalismo sfacciato, ma senza cadere nell’autocompiacimento. A un’analisi superficiale sembra quasi mutilata della sua parte narrativa ed emozionale, e invece cresce per addizioni successive e progressive, stralunando una struttura semplice in una coda convulsa e coinvolgente.

Un testo fatto di versi brevi, chiari e intensi, che va a toccare la tensione del momento (l’ispirazione è l’omicidio di Breonna Taylor) e si rivela senza imbarazzo per quello che è – più che una speranza, una preghiera: trovare qualcuno che abbia il coraggio di giurarci che non è già troppo tardi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.