Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Salaam Remi & Bilal: Comin' Outta the Rain
Upside-down
↤ Tracce

Come cambiare prospettiva sul caos sociale odierno: dietro alle nuvole cariche di pioggia, i primi raggi di sole.

Salaam Remi & Bilal
Comin' Outta the Rain

Il nome Salaam Remi dirà poco ai più, eppure questo produttore cresciuto nel Queens ha apportato il magico tocco finale a molti pezzi di Amy Winehouse (nel suo album di debutto Frank), di Nas, dei Fugees, per poi arrivare a mete più pop con Fergie ed Estelle. Nella sua carriera ha collaborato, tra gli altri, con il master dell’hip hop conscious Black Thought, ma anche con Ne-Yo e Akon, passando per il reggae di Stephen Marley, Beenie Man e Sizzla.

Ora, in un periodo davvero turbolento per gli afroamericani, il Nostro decide di dire la sua attraverso il suo nuovo album Black on Purpose dal quale è tratto questo brano imbastito a due mani con il fuoriclasse del nu-soul Bilal. La sensibilità hip hop di Salaam e l’attitudine jazzy di “brother” Bilal si sposano in una canzone in cui la protesta insita nel motto Black Lives Matter diventa sottile e ridonda di bellezza.

Non esistono solo i pugni chiusi e l’antagonismo del Fight the Power dei Public Enemy: l’attitudine militante della “black America” viene qui confezionata dentro a un suadente involucro di velluto, lo stesso che fu di Marvin Gaye quando decise di abbracciare, sul finire dei ’60s, le istanze della lotta per i diritti civili, a dispetto dei dettami della sua etichetta Motown (una fabbrica di musica nera fatta per compiacere i bianchi).

Poi sarebbero arrivati il funky e la Blaxploitation, James Brown e Isaac Hayes a restituire a quei suoni la loro anima, che era anche orgoglio razziale, sensualità carnale, senso di dignità.

Che la storia si ripeta cinquant’anni dopo è solo segno che la pioggia deve continuare a scorrere prima di poter ribaltare definitivamente la prospettiva e rivedere il sole.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.