Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Nothing: Say Less
Puoi scattarne un'altra che qui siam venuti troppo allegri?
↤ Tracce

Gioite nel deprimervi: il nulla è di nuovo alle porte.

Nothing
Say Less

«Stumble inexorably / Into deafening litany / Are you asking me / Or telling me? / A mourning glory story».

Buone notizie: è tornato il tempo di buttarsi giù! Interamente registrata in quarantena, la roba nuova dei Nothing si dibatte nei temi dell’apatia, dell’isolamento e della solitudine. Vai così!

Say Less riporta alla ribalta un certo shoegaze scuola My Bloody Valentine che fatica a stancare. Soprattutto se non si pretende un suono “diverso”, ma solo (mica poco) che “funzioni”. Se poi il pezzo è pure bello allora è tutta manna dal cielo.

E in questo caso è proprio così. I riverberi sono a cannone, la malinconia è alle stelle e i colori sono sempre quelli tetri del tramonto industriale, nella cui coltre fumosa – come sotto un caldo plaid – assopirsi tiepidamente.

“Nicky” Palermo lo sa bene e il suo passato parla per lui, soprattutto quello che si muove nei territori hardcore-punk risalenti in cui andavano di moda i Jacob Bannon di turno, oltre che quelli della galera e della redenzione spirituale.

The Great Dismal sarà il quinto disco della formazione di Filadelfia, in uscita il prossimo 30 ottobre per Relapse. Dice Palermo: «The Great Dismal si riferisce a una palude, una trappola brillante in cui la sopravvivenza è personalizzata per tutti suoi abitanti. La natura del suo ambiente, bellissimo ma impegnativo, e le sue dure condizioni non possono mai essere veramente scosse o dimenticate troppo facilmente». Qualunque cosa voglia dire, lo attendiamo con ansia.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.