New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Nina Hagen (feat. George Clinton & Taquila Mockingbird): Unity
Dammi un bacettooooo!

Nina Hagen (feat. George Clinton & Taquila Mockingbird)
Unity

Good vibes 2.0: la forza di una risata contro la feccia dell’umanità.

La carriera di Nina Hagen è spesso stata sottovalutata dalla massa. Nota ai più per qualche hit a cavallo tra i ‘70 e gli ‘80, ha continuato in realtà a pubblicare lavori di livello (seppur con pause considerevoli tra l’uno e l’altro) andando a toccare le più svariate forme di espressione artistica musicale. D’altro canto con una voce così ha sempre potuto fare ciò che vuole seguendo ciò che le diceva lo stomaco.

Ed è proprio la spinta che viene da dentro il motore che la porta a pubblicare un nuovo singolo in questi giorni: troppa la rabbia e il disgusto per ciò che sta accadendo negli USA a livello razziale e politico. Fomentata dall’efferato omicidio di George Floyd, Nina ha chiamato a raccolta George Clinton (Funkadelic, Parliament), Taquila Mockingbird (Bad Habits), Paul Roessler (The Screamer, Prick, 45 Grave, Nervous Gender), Dennis Kucinich, il Sound + Solidarity Toneshift podcast, e il fido produttore e collaboratore Warner Poland per un brano di protesta che è un inno all’amore e alla fratellanza come non se ne sentivano da molto.

↦ Leggi anche:
Public Enemy (feat. Cypress Hill & George Clinton): Grid

Unity ha un andamento reggae che sfocia spesso e volentieri nella dub in odore di post-punk primordiale, tra echi, riverberi, soundscapes di sottofondo e l’ugola sempre incredibile della Hagen che, nonostante l’età, sale su vette espressive irraggiungibili per la maggior parte delle cantanti o presunte tali che saturano le playlist di mezzo mondo.

Come una sonora risata in un momento di imbarazzo, è un grido di pace che serve in realtà a riempire i vuoti lasciati dal silenzio – spesse volte complice – che troppo spesso circonda casi come quello di Floyd – e come i vestiti sgargianti e il trucco sopra le righe di Nina – si mostra leggero, nascondendo però uno spessore ideologico tutt’altro che frivolo.

Nina Hagen George Clinton Taquila Mockingbird 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!