Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Nascar Aloe: Torso
3l3ktr0Pun× 2o2o
↤ Tracce

Più malato della peste. Eppure necessario.

Nascar Aloe
Torso

«È già stato fatto tutto. È già stato detto tutto. È già stato suonato tutto. È già stato sperimentato tutto.» Quante volte abbiamo sentito (e ci siamo trovati d’accordo) con queste affermazioni drastiche? E allora cosa può fare la differenza ormai?

Molto semplicemente: il come.

Perché quando novantasei secondi netti ti fanno rizzare le orecchie e i peli sulla schiena significa che il ragazzo la sua cosa la sta facendo bene. In maniera politicamente scorretta, ma bene.

Nascar Aloe non è un novellino, ma nemmeno un vecchio matusa e – quindi, appunto – sa cosa fare e come farlo. Dalla Carolina del Nord sputa bile e rabbia in uno schizzo che, prendendo come base il rap più truce e l’hip-hop meno sculettabile, affoga l’ascoltatore dietro bordate di elettronica con una base spaccatutto e un’attitudine che fa annuire dall’aldilà Keith Flint. La stessa attitudine che manca a buona parte dei suoi colleghi finto ribelli e alla moda, polverizzati da questo less is more totale che sbaraglia senza guardarsi intorno qualsiasi cosa si trovi sulla sua strada. Un testo violento e scorretto vomitato con una rabbia degna di un Hetfield anni Ottanta in cui, in assenza di grandi ideali, troviamo nevrotiche descrizioni vividamente approssimative di un disagio quotidiano, calato in un’apatia spersonalizzante che è fonte stessa di rabbia.

Le nuove generazioni si sono ammorbidite solo in superficie, i nemici da combattere ora i ragazzi se li portano dentro. Parte di quel disagio è qui: ignorarlo o liquidare il tutto come “già fatto, già sentito” non farebbe altro che aumentare il divario silente dell’incomunicabilità tra generazioni. Se non si brucia, il ventunenne di origini cambogiane potrebbe diventare un nuovo punto di riferimento. Letale.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Editor's pick  Punk  Hip Hop  October 2020  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.