Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Lebanon Hanover: Digital Ocean
Fenriz approva
↤ Tracce

Ritorno al marciume DIY del goth dei tempi andati.

Lebanon Hanover
Digital Ocean

Ci sono un milione di modi diversi per approcciarsi a una canzone, che dipendono da altrettanti fattori personali. La difficoltà reale sta nel cercare di rimanere obiettivi quando si deve giudicare o meno un pezzo.

I Lebanon Hanover negli ultimi anni hanno riscosso un discreto successo nell’underground goth, e ascoltando superficialmente il nuovo singolo ci si potrebbe chiedere il perché. Registrazione talmente lo-fi da far sembrare i Neva una band prodotta da Bob Rock, esecuzione approssimativa che manco nei promo sgangherati black metal dei primi ‘90, voce monocorde su riff quasi banali che sono il cliché dei cliché. Insomma, sulla carta il duo anglo-elvetico sarebbe un fallimento totale.

Eppure no. Il fascino del nuovo singolo, per esempio, sta proprio in questo DIY estremo, nel rifiuto totale di qualsivoglia soluzione “pulita”, nell’affermazione dell’istinto primordiale che vince sopra la professionalità, nella sfacciataggine che li spinge a pubblicare brani che per la maggior parte delle band sarebbero al massimo dei demo da tenere nascosti in qualche cartella criptata sul computer. Ecco allora che sembra di essere tornati indietro di vent’anni, con mp3.com come punto di riferimento e MySpace che era ancora un lontano miraggio, quando ci si sentiva ancora dei pionieri a godere di suoni provenienti da gruppetti oscuri intenti a comporre nei loro garage o camerette.

Ben venga dunque Digital Ocean, sferzata goth acida e tignosa con tanto di videoclip girato male e montato peggio: in un’epoca dove tutto è perfettino e leccato riuscire a godere dei difetti rimette in pace il nostro essere analogici in un mondo ormai digitalizzato a 360 gradi. Che poi in breve tutto questo andrà dimenticato, è un altro discorso.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.