Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Crippled Black Phoenix (feat. Vincent Cavanagh): Lost
La mascherina portata nel modo sbagliato
↤ Tracce

L’infinito (s)confinato nell’assenza di futuro odierna.

Crippled Black Phoenix (feat. Vincent Cavanagh)
Lost

Ormai, agli orecchi svogliati che al giorno d’oggi fanno la media, i dischi che superano la mezz’oretta di minutaggio complessivo sembrano più o meno tutti uguali. Credo sia abbastanza normale: nel senso, se nel tempo di una canzone di Sfera Ebbasta questi non sono ancora riusciti a concludere l’intro, lo scollamento tra un generico approccio post-rock (o post-metal, come volete chiamarlo – parliamo in linea di principio di gente che se la prende comoda, anche se quasi mai in maniera confortevole) e la realtà delle cose è evidente e drammatico.

A volerci per forza leggere un po’ di poesia rétro, robe così suonano come uno degli ultimi baluardi reazionari (raccontati con un linguaggio volutamente ed emotivamente partigiano) all’avanzata della modernità. Ma il fatto è che credere ciecamente ai formalismi è la strada più diretta per esserne risucchiati e demonizzare i cliché a suo modo una stessa malata forma di cliché. Quindi largo ai luoghi comuni in tema di musica pesa e dilatata.

↦ Leggi anche:
Crippled Black Phoenix: No Fun
Anathema: Springfield

D’altronde, i Crippled Black Phoenix non si sono mai posti il problema (che si sa, nella vita, è uno dei migliori modi per non cadere in tentazione) e a quanto pare non hanno intenzione di iniziare adesso. Ecco quindi che, dopo Cry of Love (quasi corta, per i loro standard), ci schiantano un nuovo singolo di oltre otto minuti, giusto per ingannare l’attesa dell’imminente Ellengæst.

Come al solito, ci sono il metal e il doom, ma opportunamente rarefatti in una visione pinkfloydiana, poi rimessi in sesto con tutta la pignoleria ossessiva dei Nine Inch Nails meno sintetici e a questo giro infine completati dall’ospitata di Vincent Cavanagh degli Anathema ai cori. A sentire il duetto con la sempre splendida Belinda Kordic – senza soffermarsi sul testo né sbirciare le immagini selezionate per il video da Guilherme Henriques – sembrerebbe quasi che per il genere umano ci possa essere una qualche forma di speranza. O se non altro un meno peggio in cui credere. E invece no.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.