Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Black Pistol Fire: Hope in Hell
Io faccio il rock e tu fai il southern, ok?
↤ Tracce

Southern rock che brucia lentamente, come quei falò lasciati al mattino che viene.

Black Pistol Fire
Hope in Hell

Canadesi di natali, texani di casa. Austin, per l’esattezza: quell’oasi ancora (quasi) incontaminata, fatta di negozi di dischi, camicie a quadri e jeans da mandriano, fibbie d’alligatore e stivali da rocker. Che sia posa, folklore o etichetta da TripAdvisor poco importa. I Black Pistol Fire conoscono bene il southern-rock e il garage-punk. E sanno ciò che dicono.

Hope in Hell ha tutte le carte in regola per essere un singolone da aspettarsi da un duo che già si era fatto conoscere per le sue performance intense. E soprattutto – anche a onor di storia – quando il formato duo stava mietendo consensi unanimi (vedi White Stripes, Black Keys e compagnia).

Calda, sporca il giusto, diretta e radiofonica: i suoi quattro minuti classici ma moderni prendono ciò che meritano e mietono consenso immediato, configurando ancora una volta Owen e McKeown al centro delle pista per i migliori live acts di questo filone bluesy-oriented.

Alla fine di quest’anno uscirà probabilmente il loro sesto lavoro, seguito di Deadbeat Graffiti del 2017 e sarà co-prodotto da Jacob Sciba (Gary Clark Jr., Gov’t Mule) e mixato da Vance Powell (White Stripes, The Raconteurs). Non male, come biglietto da visita.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.