New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Anohni: R.N.C. 2020
Finché non aggiustate questo mondo io con voi non ci parlo più

Ecco, avete fatto incazzare Antony.

Quella di Antony è stata una delle voci più affascinanti degli anni Duemila. Uscito dal giro dei Current 93 di David Tibet, ha regalato, come Antony and the Johnsons, alcune vere e proprie perle della musica d’autore. Poi ha preso decisioni drastiche: Ha cambiato nome in Anohni, ha sterzato verso soluzioni più pop ed elettroniche con risultati altalenanti, ha partecipato a qualche featuring piacevole e poco più e ha perso forse un po’ di smalto, come se le unghie si fossero arrotondate. Fino a oggi.

La situazione politica attuale infatti sembra aver infiammato l’animo della cantante anglo-americana, rimasta annichilita di fronte alla convention repubblicana tenutasi a Washington e Charlotte DC. Il risultato è uno dei brani più violenti mai registrati nella sua carriera: basato su un loop di una sua performance newyorkese di vent’anni fa, il pezzo gronda rabbia, dolore e insoddisfazione fusi in una spirale abrasiva dove gli spoken word distorti sono delle polaroid chiare e spietate che mettono sotto i riflettori le nefandezze che si stanno perpetuando negli Stati Uniti all’ombra del COVID.

↦ Leggi anche:
Traccia: Anohni: Drone Bomb Me
Traccia: Michael Cashmore (feat. Anohni & David Tibet): The Night Has Rushed In

Un soundscape asfissiante che fa da base a una critica feroce nei confronti di Trump («un assassino»), i Repubblicani e Fox News, oltre alle lobby che, incuranti delle sorti dei popoli e del pianeta, continuano ad alimentare il proprio bisogno di potere. Un brano difficile, duro, ostico, che prende lo stomaco e costringe l’ascoltatore a riflettere.

Se il fine ultimo dell’arte è smuovere animi e coscienze, R.N.C. 2020 è un terremoto emotivo totale. Ascoltatelo. Leggete le parole sotto al video. Riflettete. Riascoltatelo. Rileggete. E poi di nuovo.

Anohni 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!