Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Whitechapel: Doom Woods
Tutti appena usciti dal barbiere
↤ Tracce

Ancora una volta insieme a Belzebù in una valle di lacrime.

Whitechapel
Doom Woods

Canzone di chiusura di The Valley del 2019, Doom Woods viene riproposta con un nuovo visualizer, per farci ricordare, forse, quanto la bordata in faccia di un disco come questo possa protrarsi anche nell’anno successivo. E anche a livello di immagini, la cosa è molto interessante. Le tonalità da videogame horror di nuova generazione ben si integrano con un panorama di genere che ormai difficilmente può non fare i conti col mondo videoludico. Marketing orientation a parte, qui si fa sul serio.

Non è infatti eresia considerare i Whitechapel come una delle realtà più rodate di quel fenomeno che ha preso dagli Slipknot e dal metalcore, fortunatamente dimenticandosi delle parti in clean vocals che ormai – vabbè la diciamo tutta – hanno decisamente rotto le scatole, soprattutto se inserite – ancora una volta – per un motivo di affabilità. Un colpo al cerchio e uno alla botte, insomma.

I ragazzi di Knoxville, Tennessee – sempre con il cuore ai territori inglesi bazzicati da personaggi come Jack the Ripper – restano dunque una band da seguire per gli appassionati di una scena che vuole ancora definirsi metal, con tutti i crismi del caso. Senza spacciarsi per ciò che non è e parallelamente ricordandosi che deve comunque portare avanti un’evoluzione che la faccia emergere dalla nicchia metallofila d’appartenenza.

Suoni moderni ma non di plastica, un impianto melodico non così sfacciato e le growl-vocals di Phil Bozeman che riescono a tenere botta anche a confronto con reminescenze Cannibal Corpse e Bloodbath. Un testo qualsiasi sul demonio e sugli incubi dell’adolescenza fa il resto.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.