Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sufjan Stevens: America
Il cantautore della porta accanto
↤ Tracce

Non farmi quello che hai fatto all’America. Una specie di preghiera.

Sufjan Stevens
America

«Don’t do to me what you did to America». Una dichiarazione forte, abbastanza esemplificativa da non aver bisogno di molto altro. Averla amata, venerata, adorata come un dio. La vecchia America, il suo ideale, il suo stendardo. E poi essersi abbandonato alla sua decadenza contemporanea.

Sarebbe già abbastanza, ma – se non bastasse – il nuovo brano di Sufjan Stevens si prende ben 12 minuti per sottolineare il concetto. America si prolunga su tonalità piuttosto simili per tutta la sua durata, senza particolari stravaganze dinamiche o strutturali, ma impostandosi su un flow lamentoso che ci accompagna dall’inizio alla fine.

↦ Leggi anche:
Sufjan Stevens: Mystery Of Love

In pratica, il suo più grande difetto diventa il suo miglior pregio, riuscendo a convincere minuto dopo minuto, beat dopo beat, ripetizione dopo ripetizione. Una «protest song against the sickness of American culture in particular» (così come l’ha definita l’eclettico cantautore statunitense) che rende emblematico il nuovo The Ascension, in uscita il 25 settembre per Asthmatic Kitty.

Una coda conclusiva piuttosto nickcaviana (il riferimento è all’ultimo periodo, con Warren Ellis) gioca a favore di una composizione che, ancora una volta, fa affidamento sull’elettronica così come sul folk lo-fi. Un pezzo che sa di piacere a un pubblico hipster, lo lusinga con temi, suoni e un impatto che strizza l’occhio a un generico indie, e così riesce a essere comunque autoriale, innestandosi alla fine esattamente su quelle tonalità che fanno brillare gli occhi (e le orecchie) a quelli di Pitchfork. E tutto sommato anche a noi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.