Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Seasick Steve: Church of Me
Me, myself and I
↤ Tracce

Un bluesman che mette a tacere anche i blackster.

È andata così. Per decenni sei stato un hobo, non si capisce bene se sei nato nel 1941 o nel 1951, hai viaggiato per tutto il mondo arrangiandoti come potevi sposando due donne e mettendo al mondo cinque figli, inizi a suonare davvero nel 1969 insieme a gente come Lightnin’ Hopkins e te la svanghi qua e là tra lavoretti tirati insieme e sessioni in studio fino a pubblicare il tuo primo album con tutta calma nel 2004. Ecco, quando hai fatto tutto questo e anche di più, in cosa puoi credere?

Non si sa quanto ci sia di romanzato nella biografia di Seasick Steve, e sinceramente poco importa. La sua attitudine e la sua musica parlano da sé. Se il blues in odore di country più sporco e genuino potesse avere un suono oggi, sicuramente sarebbe quello delle sue bizzarre chitarre fatte in casa. E come ogni storyteller che si rispetti, il testo non è mai superficiale: Church of Me è il nuovo singolo dell’album appena uscito, Love & Peace, ma potrebbe benissimo essere stata scritta un secolo fa tanto suona visceralmente familiare. Cruda e cazzuta quanto le sue parole, che parlando di sé invitano in maniera spiccia a non menarla troppo con “ciò che dicono sarebbe meglio fare”, ma darsi una mossa e farsi una vita da soli, lasciando agli altri le imposizioni degli insegnamenti della chiesa. Un concetto che è stato espresso mille altre volte da centinaia di band borchiate e con il face painting, ma che qui, svestito della carnevalata estetica tipica di alcuni sottogeneri metal, risulta proprio per questo terribilmente efficace e credibile.

↦ Leggi anche:

Chissà che si sarebbero detti al bar, lui e Lemmy: probabilmente nulla. Un goccetto, una cicca e uno sguardo furtivo con sorriso complice di chi la sa lunga. Steve è uno dei musicisti più tosti degli ultimi anni, non fatevelo scappare.

Seasick Steve