New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Kiko Loureiro: Overflow
La vita è fatta a scale. Pentatoniche.

L’arte quasi dimenticata di far cantare una chitarra.

Una delle categorie che in qualche modo sembrava essere semi-scomparsa negli ultimi decenni è quella dei guitar hero. Dopo un’indigestione molesta negli anni Ottanta, quando c’era una vera e propria gara per vedere chi era il più bravo e veloce tra i vari Malmsteen, Vai, Satriani, e Batio (quello con la chitarra a quattro manici), la figura dello shredder era praticamente svanita, schiacciata prima dall’apparente semplicità del grunge e poi dai riffoni con accordature ribassate del nu-metal, dove la regola numero uno era zero assoli. Ma negli ultimi anni qualcosa si sta muovendo.

Kiko Loureiro, ex Angra e attualmente nei Megadeth, è l’ultimo chitarrista in ordine di apparizione a essere stato fortemente voluto dal roscio meno affabile del mondo, e già questo dovrebbe dirla lunga. Con il lockdown e un po’ di tempo libero che si fa per non annoiarsi? Si richiama la sezione ritmica degli Angra, qualche ospite qua e là e si registra un album. Facile no?

Il caso Kiko è singolare: la sua tecnica sopraffina non è fine a se stessa, è anzi completamente al servizio del songwriting, arte dove il nostro eccelle in maniera straripante (ricordate la splendida Conquer or Die?).

Overflow è un pezzo che farebbe rizzare i peli a Matt Bellamy dei Muse, tanto è pregno di pathos, cinematograficità ed emotività. Ogni assolo è in realtà una voce che racconta un pezzo di una storia, invece che essere solo un banale showroom delle ore passate a studiare lo strumento, con un crescendo impeccabile che accompagna sinuosamente verso un finale incredibile che da solo vale tutto il pezzo. Signor Loureiro, chapeau.

Kiko Loureiro 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!