New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Keaton Henson: Ontario
Non ci si lasci ingannare dalla barba hipster

Una casetta in Canadà per i figli d’arte londinesi.

L’Ontario non è mai stato così suadente. Il suo gelo, la sua pace, la sua noia, le sue armonie. Lontano dalla maggiore complessità orchestrale di Six Lethargies (2019) questo brano riscopre i suoi primi contributi discografici (Dear). Nessun guizzo, nessun estro specifico, nessuna sperimentalità. E mica è necessariamente un male.

Il personaggio di Keaton Henson, inglese di natali ma canadese di spirito, non è certamente uno di quei cantautori scontati con le vocine che tanto piacciono al pubblico indie. Poeta, autore di graphic novel e – ovviamente – cantautore folk, è sì figlio d’arte, ma il suo eclettismo – e l’ansia che lo accompagna – lo ha sempre portato a essere marginale, a suonare in piccole venues, magari un museo, o una piccola galleria, a disegnare cover (come quella del primo Enter Shikari), a comporre musica per balletti (sua madre è la ballerina Marguerite Porter).

L’amore per il panorama fuori-Toronto diventa emblema per questa sortita indie-folk suadente, tenue e placida come il territorio a cui fa riferimento. Un po’ Patrick Watson, un po’ Bon Iver (quello di for Emma) e subito la tenera gita fuori porta diviene serena e meditabonda. In Ontario Henson ha scoperto una seconda casa, un porto dove attraccare e – speriamo – continuare a comporre.

«Ho trovato tanto conforto nel vento gelido del Canada. Appena apri la porta al mattino, il congelamento istantaneo della pelle, ti porta via la sonnolenza e l’irrazionalità, facendoti proseguire, qualunque cosa stia succedendo in quel momento. Si tratta di un’ode a quel paesaggio, e il ritratto di un posto che trovo bellissimo, e allo stesso tempo strano». Il video del brano è tratto dalle registrazioni che lo stesso Henson ha fatto durante i suoi viaggi in quei luoghi così evocativi. Career Day è uscito lo scorso 21 maggio per download digitale e autoprodotto. E diciamo che rende proprio bene l’idea.

Keaton Henson 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!