New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Everything Everything: Planets
Dal lontano pianeta Manchester Two

Diddy Kong che cura le proprie paranoie a suon di glitch-pop.

Anche per Diddy Kong è giunto il momento di entrare in crisi esistenziale. Quale migliore colonna sonora per la sua problematica convivenza in un mondo metropolitano moderno senza più valori e identità autentiche, dove vecchi eroi e primati servono solo per accaparrarsi qualche like su Instagram?

Beh, quella degli Everything Everything, ovviamente. Il sound dei mancuniani è sempre stato intriso di una vena malinconica e di un gusto quasi r’n’b, uniti in una miscela perfettamente rodata dal 2007. La scimmietta, perduta in un mondo come questo, si trova sola e disperata a guardare le autostrade nel video di Planets. Molto lontano da quel Planet of the Apes che – quasi paradossalmente – serve a contrasto di questa grigia divagazione un po’ radioheadiana, ma che ancor più rimanda agli Alt-J.

↦ Leggi anche:
Traccia: Everything Everything: Night Of The Long Knives

«To the bigots in the bat cave / I think some of you are permanently off my Christmas list / Ooh, the dance floor is overrunning with frat boys telling me / I got no business sitting in business class». Un po’ di bella gente, insomma, a fare da contrappunto alle visioni malinconiche del pupazzo irsuto protagonista del video diretto proprio dal leader della band Jonathan Higgs.

Re-Animator, il nuovo album degli art-rocker, vedrà la luce il prossimo agosto e Planets segue come terzo singolo i precedenti In Birdsong e Arch Enemy. Il tutto fa davvero ben sperare: roba buona soprattutto per i palati più indie, teneri e con la passione per le distorsioni tastierose ormai marchio di fabbrica del pop alternativo inglese.

Everything Everything 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!